rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
L'incontro / Gioia Tauro

Gioia Tauro, Bombardieri: "Questo porto ha bisogno di impegni seri"

Il segretario generale della Uil ha incontrato il presidente Agostinelli, poi i dirigenti regionali e provinciali del sindacato e una delegazione di portuali

"Questo porto ha bisogno di impegni seri, soprattutto in un momento in cui la sfida è globale. Qui non c'è solo un tema lavoro, ma di rapporti con l'Europa, la direttiva Ets, gli attacchi al naviglio commerciale nel Mar Rosso e l'impossibilità di attraversare Suez, che hanno bisogno di risposte e di impegni precisi".

Lo ha affermato Pierpaolo Bombardieri che oggi ha visitato il porto di Gioia Tauro. Il segretario generale della Uil ha prima incontrato il presidente dell'Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno meridionale e Ionio, Andrea Agostinelli, poi i dirigenti regionali e provinciali del sindacato e una delegazione di portuali che lavorano a Gioia Tauro.

In questa fase le navi arrivano con un ritardo di circa 10-14 giorni per circumnavigare l'Africa evitando i pericoli nel Mar Rosso. Un tema caldo sul quale il numero uno della Uil, pur premettendo di non voler fare polemica con il governo, ha rilevato che "mentre si parla di dare più potere alle regioni ci rendiamo conto che le scelte e i contesti sono globali e quindi è necessario spendere maggiore impegno anche come Europa rispetto al mantenimento delle rotte e al consolidamento di una situazione economica che sia uguale nei porti del Mediterraneo".

Il presidente Agostinelli, come riporta l'Ansa, ha illustrato il lavoro in itinere per trasformare l'Agenzia del lavoro in impresa per consentire ai 77 portuali di stabilizzarsi. "Il percorso - ha ammesso però - al momento è difficile per la netta opposizione dei terminalisti e delle altre imprese che operano in porto. Ma questo sarà il nostro impegno per questo anno".

Bombardieri ha preso atto che nonostante i successi dello scalo, il ventre molle di quest'area è rappresentato dalla mancanza di strategie di sviluppo del retro porto: "Un'area strategica nella quale non si è riusciti a legare l'attivismo del porto con attività manifatturiere da insediare nelle aree circostanti. La vera sfida per il futuro è questa. E noi vogliamo esserci per dare il nostro contributo di proposte, sperando che Regione e Commissario Zes, qualche idea ce l'abbiano". Bombardieri si è impegnato anche a predisporre un vertice ad hoc con il suo gruppo dirigente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gioia Tauro, Bombardieri: "Questo porto ha bisogno di impegni seri"

ReggioToday è in caricamento