rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Cultura

Il premio di poesia Nosside e i suoi Ambasciatori conquistano Genova tra storia ed emozioni

Il professor Amato racconta la due giorni nella città che fu gloriosa repubblica marinara con il varo del nuovo format promozionale

Obiettivi raggiunti per l'iniziativa che ha visto il premio mondiale di poesia Nosside sbarcare a Genova, nella prestigiosa cornice del Palazzo Ducale. Il bilancio del presidente, professor Pasquale Amato, è pienamente positivo. "In primo luogo - afferma - dovevamo far passare il messaggio che il Nosside non è un semplice concorso ma un progetto culturale di ampio respiro con una strategia planetaria: l'apertura alla poesia in tutte le lingue del mondo e in ogni forma di comunicazione (scritta, in video, in musica).Un progetto animato da un sogno che si sta avverando, avendo raggiunto in 38 edizioni 106 Stati di tutti i continenti con composizioni in 158 lingue e idiomi. Un progetto - continua Amato - che è partito da Reggio Calabria nel cuore del Mediterraneo e intende navigare verso i luoghi, le culture e i popoli dell'intero pianeta senza essere mai soddisfatto di scoperte e conoscenze".

Nella città portuale che ha navigato in tutti i mari del mondo scrivendo pagine di grande storia con la sua Repubblica Marinara, il Nosside ha portato la sua nave antica con la stiva colma di tesori donati all'umanità. Il messaggio è stato ampiamente recepito, raccogliendo gli unanimi apprezzamenti del coordinatore della Stanza della Poesia Claudio Pozzani, fondatore e animatore instancabile da 30 anni del festival internazionale della poesia di Genova, della sua più stretta collaboratrice Barbara Garassino e del consigliere comunale Vincenzo Falcone (che ha orgogliosamente ricordato di essere nato e cresciuto a Melia di Scilla). Il suggello concreto dell'impatto positivo con la città della lanterna ​sarà un evento del Nosside nell'ambito del 31esimo festival internazionale di poesia di Genova, a giugno 2025, sempre nel Palazzo Ducale.

"Altrettanto positivo - prosegue il professore Amato - è stato il varo del nuovo format che evidenzia il ruolo promozionale degli Ambasciatori del Nosside. La nomina è strettamente riservata all'ambito dei vincitori sssoluti del Premio, che per regolamento non possono più partecipare a vita. Il format ideato per Genova ha superato brillantemente la prova e sarà inserito tra le varianti per incontri futuri, volta per volta con protagonisti gli Ambasciatori che vivono in un'area limitrofa alla sede dell'evento, essendo la loro partecipazione assolutamente volontaria e autofinanziata".

Gli Ambasciatori protagonisti di questa prima riuscitissima prova sono stati: con poesie in italiano, Alessandro Inghilterra di Genova, vincitore assoluto ex-aequo del Nosside 2022, il cui apporto è stato altresì prezioso per l'organizzazione dell'evento; con poesie in idioma reggino jonico, Alfredo Panetta di Locri, residente nella Metrocity di Milano, vincitore assoluto del Nosside 2021; con canzoni in idioma ostigliese, Ornella Fiorini di Ostiglia (Mantova), vincitrice assoluta ex-aequo del Nosside 2023. 

Il terzo obiettivo, anch'esso raggiunto, è stato l'impatto di conoscenza con Genova con i suoi luoghi-simbolo, la sua storia, le sue tradizioni. "Ha rappresentato - dice ancora Amato - il modo migliore di festeggiare il mio onomastico (17 maggio, San Pasquale) percorrendo le vie e i carruggi della città portuale, anima più genuina della città di Colombo, accompagnato da un Caronte colto e innamorato della sua Genova, Alessandro Inghilterra. Tre aspetti su tutti hanno toccato le mie corde più intime: l'onnipresenza del pesto genovese, un'eccellenza mondiale rispettata ed esaltata da tutti i liguri senza invidie o gelosie; la visita minuziosa della casa-museo di Giuseppe Mazzini, unico lucido e coerente sostenitore dell'unità degli Italiana (purtroppo non realizzata da lui ma da chi ci credeva meno - Cavour - e la impostò male) e precursore dell'idea di Unione Europea".

Dulcis in fundo il gruppo di Nosside ha imboccato Via del Campo, resa famosa dall'immensa arte di Fabrizio De André. E dopo aver sostato nella piazzetta antistante, con l'immagine di Faber, è stato il momento di visitare il piccolo museo dedicato alla scuola dei cantautori genovesi. "Non poteva esserci conclusione migliore - commenta il professore - della due giorni genovese che il colloquio denso di ricordi, sentimenti ed emozioni con la vulcanica Laura Manfredini, direttrice, amica e fan del cantore degli ultimi, degli emarginati, degli oppressi".

Conclude così Pasquale Amato il resoconto dell'evento: "Sull'onda palpitante di questa ultima tappa mi sono avviato con Alessandro verso l'aeroporto conscio di aver arricchito il cammino del Nosside e quello mio personale con nuove conoscenze, testimonianze e riflessioni. E sono tornato, come sempre, nella mia Itaca. Grazie Genova".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il premio di poesia Nosside e i suoi Ambasciatori conquistano Genova tra storia ed emozioni

ReggioToday è in caricamento