Cronaca

Processo "Ghota", ricostruita la "trasversalità" dei sistemi criminali

Il pm Stefano Musolino sta portando avanti la requisitoria nel procedimento che vede alla sbarra 'ndrangheta e politica

L'aula bunker

«Sistemi criminali potenti» hanno «tagliato trasversalmente parti di società» a Reggio Calabria, «con conseguenze enormi sulla vita quotidiana dei cittadini che scambiano i diritti per favori». Lo ha detto nell’aula bunker di Reggio Calabria, nell’ambito del processo «Ghota», continuando la requisitoria, il Pm Stefano Musolino.

Stefano Musolino, poi, ha ricordato al Tribunale, presieduto da Silvia Capone, la vicenda relativa alla proposta di acquisto di alcune centinaia di copie, da parte della Provincia di Reggio Calabria, di un libro scritto dal defunto magistrato Giuseppe Tuccio, già imputato nel processo. Secondo il pubblico ministero, fu proprio Paolo Romeo a richiedere al presidente pro-tempore, Giuseppe Raffa, pure processato in «Ghota» per corruzione, la sponsorizzazione del libro «forte dell’appoggio elettorale fornitogli per l’elezione a Presidente».

Secondo il Pm, comunque, «non è vero che la pubblica amministrazione sia solo complicità e affarismo». Il magistrato ha spiegato che per quanto riguarda il contributo alla pubblicazione del libro di Tuccio e per la ristrutturazione del Lido Comunale, i dirigenti preposti dell’amministrazione provinciale e della Sovrintendenza archeologica, tutte donne, rifiutarono il condizionamento posto in essere dalla "Società segreta" in cui Paolo Romeo avrebbe ricoperto il ruolo chiave.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo "Ghota", ricostruita la "trasversalità" dei sistemi criminali

ReggioToday è in caricamento