rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Processo "Miramare", l'avvocato Panella chiede l'assoluzione del sindaco

Per il legale: "ciò che veniva attribuito non era tutto il Miramare nella sua completezza, ma solo una piccola parte di un immobile chiuso da tempo”

Assoluzione con formula piena perché il fatto non sussiste. E’ stata questa la richiesta formulata dall’avvocato Marco Panella, legale difensore del sindaco Giuseppe Falcomatà e Armando Neri, ai giudici del processo “Miramare” che, alla fine della prossima settimana, dovrebbe approdare all’atto finale.

Come si ricorderà, i pubblici ministeri della procura di Reggio Calabria al termine della loro requisitoria hanno chiesto, per il primo cittadino della città dello Stretto, 1 anno e 10 mesi di pena per presunti reati di abuso di ufficio e falso in merito ad irregolarità nelle procedure di affidamento dello storico Hotel situato sul Viale Matteotti.

Il legale difensore ha cercato di smontare le tesi dei pm: “ciò che veniva attribuito non era tutto il Miramare nella sua completezza, ma solo una piccola parte di un immobile chiuso da tempo”. Per l’avvocato Panella, poi, non può essere accolta l’accusa “per le conseguenze che porta. Non si tratta di un interesse proprio, non ha un carattere economico e patrimoniale”.

Durante l’ultima udienza sono intervenuti anche il professore Vincenzo Cerulli Irelli, che ha spiegato i motivi per cui secondo lui non ci sono presupposti requisiti legali per accusare il primo cittadino e l’avvocato Sergio Laganà, difensore di Giovanni Muraca e Maria Luisa Spanò.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo "Miramare", l'avvocato Panella chiede l'assoluzione del sindaco

ReggioToday è in caricamento