Processo "Miramare", sfogo delle difese: "Si cerca di condizionare l'esito processuale"

L'avvocato Marco Panella chiede di acquisire le ultime dichiarazioni della Marcianò, in aula sentiti i teste Vitetta e Pizzimenti, prossima udienza a gennaio, fissato il calendario dei prossimi dibattimenti

L'arrivo all'aula bunker del sindaco e di Neri

Sulla carta doveva essere un’udienza interlocutoria, un’udienza dedicata all’esame di alcuni testimoni dell’accusa, invece al processo “Miramare” nelle ultime battute del dibattimento la scena è mutata. Marco Panella, difensore del sindaco Giuseppe Falcomatà, ha chiesto di intervenire e di depositare agli atti del processo dei post social e degli articoli di stampa che davano notizia di alcune affermazioni di Angela Marcianò che per il legale potrebbero “condizionare” il regolare svolgimento del processo. 

Sulla stessa lunghezza d’onda si è mosso anche Sergio Laganà, avvocato difensore di Giovanni Muraca, che nel suo intervento ha messo un tratto di evidenziatore su quello che ritiene essere un “disegno” per condizionare le sorti processuali.

Processo Miramare Falcomata Neri 02-2Tutto ruota sulla prescrizione e sulla possibilità che tutto possa finire senza una condanna per il sindaco Falcomatà e molti componenti della sua ex giunta. Una possibilità che Angela Marcianò, già condannata per la vicenda “Miramare” e raggiunta dalla sospensione della Legge Severino che non le ha consentito di entrare in consiglio comunale e sedersi fra i banchi dell’opposizione, vede come il fumo negli occhi.

Il tribunale collegiale, sentito anche il parere dei pm Walter Ignazitto e Nicola De Caria, ha riservato l'acquisizione della documentazione.

Nel corso dell'udienza, invece, hanno deposto la funzionaria della Sovrintendenza dei Beni Archeologici, Giuseppina Vitetta, che ha confermato la versione che il "Miramare" fosse nella disponibilità di Zagarella, dell’associazione “Il sottoscala”, già nel mese di luglio.

Ha risposto alle domande anche Antonino Pizzimenti, ex consigliere comunale di Forza Italia che ha raccontato come Marcianò gli avesse confidato di non aver votato la delibera per l'affidamento del "Miramare" a Zagarella.

La prossima udienza del processo “Miramare”, infine, si terrà il prossimo 14 si gennaio, quando sempre all'aula bunker saranno sentiti due dipendenti dell'ufficio lavori pubblici del comune di Reggio Calabria e l'ex sovrintendente Margherita Eichberg, e il calendario prevede altri dibattimenti sino al mese di luglio del 2021.

Sono state fissate le nuove date di udienza del processo "Mimarare" che vede tra gli imputati l'attuale sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomata'. Il presidente del collegio del Tribunale reggino Fabio Lauria ha stabilito di proseguire il dibattimento nel 2021 alle date: 14 gennaio, 18 marzo, 20 maggio e 1 luglio. Il processo nasce da un esposto sulle presunte irregolarita' nella concessione di parte dei locali dell'hotel Miramare, di proprieta' del Comune, ad un'associazione, Il sottoscala, ritenuta vicina al sindaco.

Oltre al rieletto sindaco reggino, risultano coinvolti gli ex assessori della prima giunta comunale, quella che delibero' la concessione, Armando Neri, Saverio Anghelone, Patrizia Nardi, Giovanni Muraca, Agata Quattrone, Giuseppe Marino, Antonino Zimbalatti. Coinvolti anche l'attuale segretaria comunale dell'Ente Giovanna Acquaviva, l'ex dirigente del Comune Maria Luisa Spano' e il presidente dell'associazione beneficiaria della concessione Paolo Zagarella. Con rito abbreviato e' gia' stata giudicata colpevole l'ex assessora Angela Marciano', neo eletta consigliera comunale e sospesa dalla carica, per 18 mesi, per gli effetti della legge Severino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guido Longo verso la Calabria, primo obiettivo: riaprire gli ospedali chiusi

  • Qualità della vita, Reggio Calabria scala la classifica e conquista il 78esimo posto

  • Lavori sulla linea ferroviaria jonica, operaio muore nei pressi della stazione di Condofuri

  • Reggio e la Calabria in zona arancione da domenica 29 novembre: ecco cosa cambia

  • Ospedali e Covid, l'allarme di Amodeo: "Asp reggina impermeabile a ogni proposta"

  • Maltempo, il vento soffia su Reggio: albero si abbatte nel parcheggio del Cedir

Torna su
ReggioToday è in caricamento