menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Asp di Reggio, Libera: "Serve piano di rientro nella legalità e nella buona amministrazione"

Don Ennio Stamile, referente regionale di Libera: "La vicenda non può chiudersi solo sul versante giudiziario perché ripropone il tema di come bisogna attrezzarsi per prevenire per il futuro analoghi scenari"

"L’associazione Libera esprime apprezzamento per l’operazione della Procura di Reggio Calabria che con gli arresti di diversi funzionari dell’Asp di Reggio Calabria, non a torto definita la più disastrata d’Italia e da commissariata per infiltrazioni mafiose, ha avviato un intervento di bonifica che va continuato perché colpisce i rapporti di collusione e gli interessi criminosi di chi ha lucrato sulla sanità a spese dei cittadini".

Così don Ennio Stamile, referente regionale di Libera, che mentre "auspica che l’attività dell’Asp 5 non si blocchi e che il nuovo commissario Pierluigi Scaffidi possa garantire attuazione piano di vaccinazione e erogazione dei servizi, in particolare quelli di prossimità per persone anziani e fragili, la vicenda non può chiudersi solo sul versante giudiziario perché ripropone il tema di come bisogna attrezzarsi per prevenire per il futuro analoghi scenari. Soprattutto in un momento storico come questo di pandemia non possiamo come comunità permettere il perdurare di fenomeni che concorrono a negare il diritto alla salute dei cittadini".

Per questo continua don Stamile "serve un vero e proprio piano di rientro nella legalità che potrebbe interessare tutte le Asp della Calabria. La commissione parlamentare anti mafia occupandosi della questione ha evidenziato come dopo lo scioglimento delle aziende sanitarie, le commissioni incaricate di eliminare i condizionamenti mafiosi non sono riuscite a incidere su questo versante anche perché hanno registrato condizioni operative di grande ostacolo per la loro azione.

Come ad esempio, i tentativi di delegittimazione, i contrasti e gli ostacoli frapposti all’azione delle varie commissioni straordinarie che si sono alternate all’Asp 5 di Reggio Calabria che comunque hanno svolto in modo burocratico il loro ruolo senza aprirsi e dialogare con le forze sane della comunità. 

Secondo il referente regionale di Libera "l’introduzione di piani di rientro nella legalità potrebbe contribuire a individuare specifici strumenti di affiancamento, formazione e sostegno di tutti i settori della sanità, di definire obiettivi di analisi e gestione dei fattori di rischio di corruzione, favorire il confronto e il trasferimento delle esperienze, l’accesso civico dei cittadini e delle organizzazione per avere trasparenza nelle scelte, negli appalti, nelle forniture, nella consapevolezza che il recupero di adeguati livelli di integrità migliori le condizioni di lavoro degli operatori, consenta risparmi di risorse e contribuisca a qualificare l’assistenza erogata".

Su questi temi l’associazione Libera ha deciso di promuovere anche in Calabria la campagna nazionale Illuminiamo la salute. "L’obiettivo - spiega ancora don Stamile - è quello di attivare iniziative formative, di monitoraggio, di valutazione, di ricerca e cambiamento per sostenere un sistema sanitario pubblico e sociale integro, efficiente, al servizio di tutti i cittadini, che vada oltre la sola applicazione burocratica della legge 190/2012 per la prevenzione della  individuando un obiettivo prioritario:l’attivazione di un protocollo unico regionale sul tema della corruzione e delle infiltrazioni della ndrangheta da proporre alla struttura commissariale in atto guidata dal prefetto Guido Longo e da fare adottare a tutte le Aziende sanitarie ed ospedaliere.

Una attività da realizzare coinvolgendo tutta la una rete di operatori impegnati a diversi livelli nella sanità calabrese, chiedendo collaborazione alle facoltà di Medicina e delle varie professioni sanitarie, alla rete Comunità Competente, ai Sindacati, agli Ordini professionali, alle associazione di utenti, ecc. Prevedendo anche l’apporto di esperti sui temi degli appalti, della programmazione e gestione finanziaria del sistema sanitario.

E’ veramente giunto il momento di asumersi come società civile calabrese la responsabilità della gestione del bene comune della salute e ci controllare e collaborare con le aziende sanitarie affinchè riprendano il loro ruolo e non rispondano agli interessi della cattiva politica, della massoneria deviate e della ndrangheta. Su questa battaglia di civiltà Libera intende fare la sua parte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Esaltare I tratti del viso? La risposta è il contouring

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento