rotate-mobile
Cronaca Rosarno

I carabinieri scoprono la filiera della canapa indiana, tre arresti e casolare sequestrato

Durante l'operazione sono stati rinvenuti circa 70 chilogrammi di canapa indiana, gli "operai" della fabbrica di droga sono stati seguiti ed osservati dai militari dell'Arma

carabinieri rosarno 2-2-2La filiera della produzione e lavorazione della canapa indiana resta un settore florido nel vasto ambito del traffico di stupefacenti.

Nel corso di un’ordinaria operazione di controllo congiunta, carabinieri del Nucleo di polizia ambientale agroalimentare forestale di Reggio Calabria e della tenenza di Rosarno, nei giorni scorsi, hanno colto in flagranza di reato un ventinovenne di Taurianova, sorpreso in una zona rurale del comune di Rosarno, alla guida di un furgone risultato carico di canapa indiana fresca (nella foto la droga).

Nell’ambito degli stessi controlli congiunti, alcuni giorni dopo è stato individuato, nel comune di Candidoni, un casolare adibito a stabilimento per la lavorazione della canapa, con tutte le attrezzature necessarie per selezionare, essiccare e confezionare “l’erba”.

Gli appostamenti posti in essere dai militari dell’Arma nei pressi del casolare, ubicato all’interno di un podere recintato e chiuso da un cancello, hanno permesso l’arresto in flagranza di reato di tre soggetti, tutti di Rosarno, accusati di essere gli “operai” adibiti alla lavorazione della marijuana rinvenuta all’interno, stimata in circa 70 chilogrammi. L’intero casolare è stato posto sotto sequestro mentre i tre soggetti, il cui arresto è stato convalidato dai giudici, sono stati condotti in carcere.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I carabinieri scoprono la filiera della canapa indiana, tre arresti e casolare sequestrato

ReggioToday è in caricamento