Cronaca

Nasce "Cantieri Culturali", l'ambizioso progetto ideato da Piromalli e Geria

La kermesse con l’obiettivo di promuovere, conoscere e diffondere l’arte, si svolgerà dal 12 al 25 luglio all'Arena dello Stretto “Ciccio Franco”. L’iniziativa prevede un ricco programma di eventi

da sinistra Michele Geria e Peppe Piromalli

Dalla sinergia di due importanti realtà culturali reggine, Officina dell’Arte e Reggio FilmFest, nasce la kermesse “Cantieri Culturali”, ambizioso progetto ideato dai professionisti Peppe Piromalli e Michele Geria con l’obiettivo di promuovere, conoscere e diffondere l’arte, in programma dal 12 al 25 luglio nell’affascinante Arena Ciccio Franco.

Quattordici giorni di arte pura dove il cinema e il teatro si fondono grazie alla presenza di noti attori, registi e produttori del panorama nazionale ed internazionale pronti a segnare l’estate reggina 2021. L’evento prevede un vasto programma caratterizzato da spettacoli teatrali, proiezioni cinematografiche,mostre, incontri, dibattiti, interventi documentari e tanto altro ancora. 

Il cuore pulsante di “Cantieri Culturali” sarà il lungomare Falcomatà, precisamente l’imponente Arena dello Stretto che si trasformerà in un vero e proprio “villaggio della cultura”. “Reggio FilmFest nasce nel 2004 ed è un festival del cinema indipendente che ha visto, negli anni, protagonisti artisti di fama internazionale ed è stato un trampolino di lancio per tanti registi e sceneggiatori – afferma il D.G Geria -. Non potendoci dimenticare quello che abbiamo e stiamo vivendo a causa della pandemia che ha messo in ginocchio un Paese intero e la sua economia, insieme a Peppe Piromalli abbiamo pensato di realizzare un evento all’aperto dove saranno rigorosamente messe in campo tutte le normative anti Covid, che dia però, un pò di respiro ad una popolazione che non vuole altro che riappropriarsi della sua quotidianità, dei suoi spazi, della sua arte. Da qui, la ferma scelta di abbinare il festival del cinema ad una realtà ben consolidata sul territorio come l’Officina dell’Arte per portare in città l’arte a 360°".

Pienamente d’accordo il direttore artistico dell’Oda, Peppe Piromalli, entusiasta di “abbinare la sua creatura ad una realtà positiva e produttiva del territorio come il Reggio FilmFest, evento di tiratura regionale e nazionale che, col tempo, è riuscito a mostrare il vero volto della città. Un matrimonio culturale tra due menti che hanno lo stesso obiettivo: fare cose buone e portare il bello nel nostro territorio, far rivivere la cultura e l’arte in toto.

Abbiamo creato un team di professionisti e stiamo sviluppando un programma all’interno del quale sono state inserite anche delle MasterClass che, quotidianamente, saranno impartite da attori, registi, esperti del panorama nazionale ed internazionale pronti a dare utili consigli sulle varie discipline artistiche ai nostri giovani. Ricordiamo che l’istruzione è l’unica cosa che nessuno potrà mai toglierci".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce "Cantieri Culturali", l'ambizioso progetto ideato da Piromalli e Geria

ReggioToday è in caricamento