menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il centro massaggi è stato sequestrato dalla Guardia di finanza

Il centro massaggi è stato sequestrato dalla Guardia di finanza

Fiamme gialle sequestrano centro massaggi, "si sfruttava la prostituzione"

Era gestito da una giovane extracomunitaria alla quale è stato notificato l'avviso di chiusura indagini per il reato di tolleranza abituale e sfruttamento della prostituzione

Dentro il centro massaggi in pieno centro cittadino si nascondeva una casa per appuntamenti. In queste ore, però, i finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, guidati dal colonnello Maurizio Cintura, al termine di indagini di polizia giudiziaria delegate dalla locale Procura della Repubblica, diretta dal Procuratore capo Giovanni Bombardieri, hanno sequestrato un centro massaggi, situato nel centro cittadino, gestito da una 43enne di nazionalità cinese.

L’attività di polizia giudiziaria scaturisce dall’analisi delle risultanze emerse dalle ordinarie attività di controllo economico del territorio della Compagnia Reggio Calabria e ha consentito, anche mediante il ricorso a microcamere e microfoni, di accertare che la titolare del centro massaggi, situato nella centralissima via Vittorio Veneto, "tollerava abitualmente la presenza di giovani ragazze cinesi, dipendenti della stessa, di cui sfruttava la prostituzione.

In particolare, - spiegano dalcomando provinciale delle fiamme gialle  l’indagata istruiva le dipendenti, assisteva talvolta all’esecuzione delle prestazioni sessuali tra le dipendenti e i clienti, pubblicizzava l’attività con immagini che ritraevano le ragazze in abiti succinti e in posizioni sessualmente esplicite, contrattava con i clienti in ordine al corrispettivo e riceveva il denaro dai clienti o dalle dipendenti".

Centro massaggi RC 2 mod-2Al termine delle indagini, coordinata dal Procuratore aggiunto Gerardo Dominjanni, ha disposto il sequestro preventivo d’urgenza del centro massaggi ed emesso un avviso di conclusioni delle indagini preliminari per il reato di tolleranza abituale e sfruttamento della prostituzione, aggravato per aver commesso i fatti ai danni di più persone, aventi anche rapporti d’impiego.

L’attività di servizio svolta dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria testimonia il costante presidio esercitato sul territorio, finalizzato a contrastare un fenomeno connotato da forte pericolosità sociale, in quanto moltiplicatore di illegalità: lo sfruttamento della prostituzione alimenta i circuiti sommersi del lavoro nero, dell’immigrazione clandestina, dell’evasione fiscale e del riciclaggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento