Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Utilizzo gratuito di un'auto confiscata: protocollo tra Comune e Agenzia delle dogane e monopoli

Reggio Calabria è il primo Comune a ricevere un'auto sottratta alla criminalità. L'accordo per la cessione del mezzo è stato siglato dal sindaco Falcomatà e dal direttore generale Minenna

Il sindaco Falcomatà e il direttore Minenna

E' stato firmato questa mattina l'accordo tra il Comune di Reggio Calabria e l'Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli, per la cessione in uso gratuito di un veicolo confiscato alla criminalità organizzata da destinare ai servizi istituzionali dello stesso Ente comunale reggino.

A siglare il documento che, tra l'altro, vede Reggio Calabria quale primo Comune in Italia a ricevere un'autovettura oggetto di confisca da parte dell'Adm, il sindaco Giuseppe Falcomatà ed il direttore generale dell'Agenzia, Marcello Minenna. Un momento definito dal sindaco di "alto valore simbolico, perché offre il segno di una legalità praticata anche oltre l'attività giudiziaria, abbracciando gli aspetti educativi e formativi dai quali non possiamo assolutamente prescindere.

Il percorso di ripristino e mantenimento della legalità nel nostro territorio - ha aggiunto Falcomatà - è fatto anche di simboli. Uno di questi è certamente l'utilizzo di elementi, in questo caso autovetture, che sono il frutto di attività criminali. Ma tale accordo è soprattutto il segno concreto di una positiva sinergia istituzionale con l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a cui va il nostro ringraziamento, in modo particolare al direttore Minenna, per l'ottima interlocuzione che ha consentito a pochissima distanza dalla confisca dell'autovettura, di far rientrare il mezzo nella disponibilità della collettività e degli enti pubblici, in particolare Comune e Città metropolitana.

Lo abbiamo fatto volentieri - ha evidenziato il primo cittadino - perché si tratta anche di un simbolo molto evidente, come testimonia anche il logo ben impresso sulla fiancata dell'auto. Di questo siamo molto contenti perché si va anche nella direzione di una più efficace interpretazione della legge Rognoni-La Torre sulla confisca dei patrimoni mafiosi o realizzati tramite attività illecite, ovvero non soltanto attraverso la pur importante azione di sottrazione di beni alle varie consorterie criminali, ma anche mediante la restituzione di tali patrimoni alla collettività.

In questo caso tenere una macchina ferma in un deposito avrebbe comportato per l'Agenzia delle Dogane dei costi, mentre oggi viene assegnata al Comune di Reggio Calabria che potrà veicolare all'esterno un forte messaggio di legalità. Ed è anche - ha poi concluso il sindaco - un bel messaggio che rafforza la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni, evidenziando la centralità del lavoro di squadra che deve caratterizzare quanti amministrano la cosa pubblica".

"Siamo molto lieti di consegnare al Comune di Reggio Calabria una vettura che l’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli ha confiscato alla malavita organizzata", ha poi commentato il direttore generale Marcello Minenna a margine della cerimonia di consegna, alla quale ha partecipato il Responsabile del gruppo operazioni Adm, Stefano Saracchi.

"E' un momento importante perché dall'azione di contrasto alla criminalità diamo un segnale di ripristino della legalità. Mezzi utilizzati per compiere dei reati diventano beni al servizio dello Stato, delle istituzioni e della collettività. Una proficua collaborazione tra la direzione regionale della Calabria che conduco ad interim come direttore generale ed il Comune della città di Reggio Calabria che ospita anche alcuni nostri importanti uffici proprio per il presidio e il contrasto ai gravi reati in materia di merci e valuta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Utilizzo gratuito di un'auto confiscata: protocollo tra Comune e Agenzia delle dogane e monopoli

ReggioToday è in caricamento