Cronaca

Raccolta rifiuti, Falcomatà: "Niente allarmismi, il servizio non si fermerà"

Il primo cittadino in conferenza stampa ha spiegato che la commissione non ha scritto il bando ma ha valutato e l'impugnativa al Tar è per un punto specifico del bando»

“Stiamo lavorando affinché il servizio di raccolta dei rifiuti in città non si fermi neanche un giorno”. Lo dice chiaramente il sindaco Falcomatà in conferenza stampa a Palazzo San Giorgio, insieme all'assessore Paolo Brunetti, al direttore generale Barreca e all'ingegnere Richichi. Tutti schierati nella sala dei Lampadari per cercare di dare risposte ai cittadini e evitare allarmismo dopo l'annuncio della sospensiva del Tar sul relativo bando di assegnazione del servizio fino all'udienza del prossimo 15 dicembre.

“Le dichiarazioni hanno generato confusione ma preciso subito – dice Falcomatà – che la tutela dei livelli occupazionali è già prevista all'interno del bando, e inoltre noi pretenderemo che il servizio di raccolta in atto sia svolto in modo corretto, visto che ci sono reciproci obblighi e l'amministrazione onora i propri impegni, fino a quando il servizio non verrà affidato alla nuova società”.

Poi Falcomatà entra nel merito e spiega: “A differenza di quanto dichiarato da qualcuno non ci sono errori nel bando da noi presentato. Non è il bando oggetto dell’impugnativa, ma un criterio dell’offerta su un punto del bando. E' stato impugnato da una delle due partecipanti su un punto del bando, ma non sul bando. La commissione, infatti,  non ha scritto il bando perché questo è stato scritto all'interno del Comune grazie alle professionalità degli uffici con il supporto di tutte le professionalità che hanno stilato e redatto il bando. La commissione è stata nominata per verificare le offerte che sono pervenute e decidere, una volta fatte le verifiche, chi proporre all'amministrazione comunale. Abbiamo voluto una commissione esterna perché è opportuno per esigenze di chiarezza e di trasparenza. Il controllore non può essere della stessa famiglia del controllato".

Non accetta gli attacchi il sindaco Falcomatà che in queste ore sono arrivati dal centro destra e spiega senza giri di parole: "Noi non commentiamo la pronuncia del Tar, neanche i tempi che il tribunale si è preso, massimo e totale e incondizionato rispetto, posso dire che casi analoghi sono stati valutati diversamente da altri Tar, in altre città o ribaltati dal Consiglio di Stato. Avevo fatto un appello di non soffiare sulla situazione, di non fare polemiche che non sono soprattutto utili all'interesse della città ma così non è stato. Ho troppo fiducia negli uomini! Pur tuttavia nella conferenza stampa di ieri (del centrodestra n.d.r) non sono pervenute proposte o suggerimenti su come uscirne a meno che non si voglia far passare il commissariamento, come proposta,  o lo stato di emergenza. Davvero non si capisce a cosa dovrebbe portare. Mi dispiace che da parte del centro destra non sia arrivata una proposta per questa città". 

Ancora aggiunge il sindaco: "A noi non interessa chi vince, a noi interessa che questo bando venga definito, perchè oltre a migliorare le modalità di raccolta portarà un risparmio alla città: da 120 mila euro al mese ad oltre un milione di euro l'anno di risparmio".

Schierati con il sindaco anche l'assessore ed i tecnici che evidenziano che si è lavorato bene nel predisporre il bando e soprattutto nell'interesse della città. 

"Il comune non tifa per nessuno delle società che hanno partceipato al bando, - evidenzia l'assessore Paolo Brunetti - l'amministrazione ha l'esclusivo interesse di garantire il servizio alla città. Dallo scorso anno, da quando ci siamo insediati, abbiamo lavorato per il migliorament del servizio. Alcune critiità sono state risolte, rimane il problema della raccolta in città, rimane l'affidamento al nuovo gestore . Abbiamo lavorato duramente da subito, abbiamo coinvolto il Conai e abbiamo definito un piano di raccolta, abbiamo coinvolto le associazioni, e insieme si è arrivati ad una soluzione condivisa". Poi risponde al centrodestra e afferma: "Dicono che non li abbiamo coinvolti ma questi consiglieri dove erano, ci sono state almeno dieci commisioni che hanno discusso del piano di raccolta. Dove sono le loro proposte e oggi quasi festeggiano  rispetto al pronunciamento del Tar. Questo mi rammarica! Se c'è una responsabilità è anche mia, ma non mi nominate mai, perchè l'obiettivo è screditare Falcomatà. Non funziona così. E' mortificare per una città vedere una parte politica che giosice per questo fatto grave che è successo alla città". 

"Noi siamo pronti, - aggiunge l'assessore - stiamo apsettando che si chiarisca questa vicenda. Nel frattempo troveremo una soluzione, ci sono le istituzioni accanto a noi. Sappiamo rispettare i ruoli e i tempi. Un ringraziamento ai nostri dipendenti comunali, settore ambiente, che hanno lavorato giorno e notte per pubblicare il bando nel più breve tempo possibile". 

Tocca al direttore generale Barreca spiegare i tecnicismi: "la commissione non poteva scrivere il bando ci sarebbe potenziale conflitto di interessi, lo dice chiaramente il codice degli appalti,  bisogna attingere dall'albo nazionale unico. Ma l'art 78 codice appalti non è ancora stato mai attuato e si applica la norma transitoria in attesa che l'albo venga istituito e per questo sono le stazioni appaltanti a nominare le commissioni secondo le competenze. L'amministrazione quindi ha scelto esperti chiedendoli all'Università e alla Città metropolitana.  nel bando quindi non c'è alcun vizio di legittimità, il ricorso è solo per l'offerta tecnica della ditta aggiudicataria". 

Ancora più nello specifico entra l'ingegnere Richici: "Il ricorso è dovuto all' indicazione per la frazione umida, in una determinate area della città, dove c'è indicata una frequenza minima pari a 2 e non 3,  ma la vautazione è stata fatta integrando gli altri parametri del servizio offerto e gli obittivi prestazionali. La commissione ha attribuito un punteggio e ci sono ben tredici punti tra prima e seconda società, su questo punto c'è stato il ricorso". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta rifiuti, Falcomatà: "Niente allarmismi, il servizio non si fermerà"

ReggioToday è in caricamento