Giovedì, 18 Luglio 2024
Il sostegno

Possibile chiusura della storica rsa Don Orione, Uilp: "Grave minaccia per anziani e lavoratori"

La Uil Pensionati di Reggio Calabria chiede un intervento immediato delle autorità competenti per affrontare queste criticità. Il commento del segretario generale Giuseppe Talia

La Uil pensionati di Reggio Calabria nella sua recente segreteria provinciale ha centrato il dibattito sulla grave crisi sociale e occupazionale che affligge la provincia. I temi principali discussi includono le difficoltà affrontate dalle pensionate e dai pensionati, l'inefficienza della medicina territoriale e la chiusura della storica Rsa Don Orione di Reggio Calabria.

"La provincia di Reggio Calabria - afferma Giuseppe Talia, segretario generale Uilp Reggio Calabria - sta attraversando una delle crisi sociali ed occupazionali più gravi della sua storia recente. Il tasso di disoccupazione è allarmante e la mancanza di opportunità lavorative sta spingendo molti giovani a lasciare la regione in cerca di un futuro migliore altrove.

Questo esodo sta portando ad un preoccupante calo demografico che aggrava ulteriormente la situazione economica e sociale della provincia. Le pensionate e i pensionati di Reggio Calabria affrontano numerose sfide quotidiane. Le liste d'attesa per le prestazioni sanitarie sono inaccettabilmente lunghe, rendendo difficile l'accesso tempestivo alle cure necessarie.

La medicina territoriale, che dovrebbe garantire assistenza sanitaria di base e prevenzione, è inefficiente e spesso inadeguata a soddisfare le esigenze della popolazione anziana. Questi problemi non solo mettono a rischio la salute dei pensionati, ma contribuiscono anche a un crescente senso di abbandono e insicurezza tra gli anziani. Problematiche che potrebbero amplificarsi con l'applicazione concreta della autonomia differenziata".

La segreteria si è poi soffermata su un altro tema cruciale, quello relativo alla chiusura della storica rsa Don Orione di Reggio Calabria. "Questa struttura è stata un pilastro fondamentale per la cura degli anziani nella regione, offrendo servizi essenziali a una popolazione vulnerabile.

La possibile chiusura della Rsa rappresenta una grave minaccia non solo per gli anziani che vi risiedono, ma anche per i numerosi lavoratori che vedono compromesso il loro orizzonte occupazionale".

La Uil Pensionati di Reggio Calabria chiede "un intervento immediato delle autorità competenti per affrontare queste criticità. In particolare, si richiede: il potenziamento dei servizi di medicina territoriale per garantire un accesso più rapido ed efficiente alle cure sanitarie per i pensionati. Ma anche, l’implementazione di misure urgenti per ridurre le liste d'attesa e migliorare l'efficienza del sistema sanitario provinciale.

E ancora, un pronto intervento delle autorità per evitare la chiusura definitiva della rsa Don Orione, garantendo la continuità dei servizi per gli anziani e la protezione dei posti di lavoro. E, infine, politiche attive del lavoro per creare nuove opportunità occupazionali nella provincia e contrastare il calo demografico".

Infine, la Uil pensionati ribadisce "il proprio impegno nella difesa dei diritti dei pensionati e nella promozione di politiche che migliorino la qualità della vita per gli anziani. È fondamentale che le istituzioni rispondano prontamente a queste emergenze per costruire un futuro più equo e sostenibile per tutti i cittadini di Reggio Calabria".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Possibile chiusura della storica rsa Don Orione, Uilp: "Grave minaccia per anziani e lavoratori"
ReggioToday è in caricamento