rotate-mobile
L'indagine

Qualità della vita, a Reggio Calabria solo il 18% dei cittadini sono soddisfatti della sanità

Per più della metà dei reggini il buon vivere è peggiorato negli ultimi cinque anni. E' quanto emerge dalla rilevazione Quality of life in European cities, condotta dalla Commissione Europea con il contributo dell'Istat

La qualità della vita? A Reggio Calabria più della metà dei cittadini ritiene che "sia peggiorata negli ultimi cinque anni". A pensarla così anche gli abitanti di Firenze, Sassari, Bolzano/Bozen, Catania, Parma, Roma e Venezia. E' quanto emerge dalla rilevazione Quality of life in European cities, condotta dalla Commissione Europea con il contributo dell'Istat in una selezione di città europee.

Trento, Trieste, Cagliari, Bergamo, Brescia, Bolzano/Bozen; Trento, in particolare, si colloca anche al primo posto della graduatoria europea (85 città), si osservano percentuali molto alte della popolazione soddisfatta di vivere nella propria città (superiori al 90%).

La sanità

La soddisfazione dei cittadini italiani per la sanità fa emergere un Italia divisa in due. Lo rileva l'Istat nel Focus sulla qualità della vita nella città italiane nel 2023.  Le città settentrionali presentano percentuali di cittadini soddisfatti per la sanità che superano in quasi tutti i casi il 60%, mentre nelle città del Sud sono tutte inferiori al 50%.

Le quote di soddisfatti per i servizi sanitari oscillano tra il 30 e il 40% a Napoli, Catania, Palermo, Messina e Cagliari. Percentuali ancora più contenute sono rilevate a Sassari, Taranto e Reggio Calabria (che con il 18,2% riporta il valore minimo). In una situazione intermedia si trovano invece Roma e Genova (con percentuali attorno al 50%). Nei contesti urbani italiani, il gradimento più alto (oltre il 70%) per i servizi sanitari si registra a Bologna, seguita da Verona, Firenze, Trieste e Parma.

La percezione di sicurezza nelle città

Nelle città italiane si osservano le percentuali relativamente più basse di persone che si sentono sicure a camminare da sole di notte nella propria città. Oltre a Verona, le città italiane dove ci si sente relativamente più sicuri a camminare da soli la notte sono Reggio Calabria, Palermo, Bologna, Trento e Trieste (con quote tra il 50 e il 60% dei residenti che dichiarano di sentirsi sicuri).

Opportunità di lavoro e difficoltà economiche dal punto di vista dei cittadini

La quota di persone che ritiene sia facile trovare un buon lavoro nella propria città oscilla dal minimo rappresentato da Reggio Calabria e Taranto (1,6% in entrambe) al massimo rappresentato da Praga (75%). In Italia, si osserva una forte polarazzazione tra sei città del Nord (dove oltre la metà della popolazione pensa sia facile trovare un buon lavoro) e una maggioranza di città dove invece meno della metà della popolazione residente la pensa in questo modo. Le prime sei città sono rappresentate da Bolzano/Bozen (con il 72,3% di cittadini sicuri che sia semplice trovare un lavoro soddisfacente), Milano, Trento, Brescia, Parma e Bergamo. In tutte la altre città italiane considerate, le percentuali sono inferiori al 50%. I valori più bassi (inferiori al 20%) si riferiscono invece a Roma, alle città del Mezzogiorno, a Torino, Perugia e Genova.

Tasporti pubblici locali 

Le città dove meno della metà degli abitanti sono soddisfatti dei trasporti pubblici locali risultano essere in gran parte italiane, tra di esse troviamo Reggio Calabria, Sassari, Bari, Pescara, Perugia, Napoli, Roma, Catania, Palermo e Taranto (con il valore minimo del 20,2%).

Spazi verdi

La soddisfazione per la disponibilità di spazi verdi varia dal massimo della città svedese di Malmö (con il 91,7% di popolazione soddisfatta) al minimo di Reggio Calabria (14%)

I dati sulla percezione dell'efficienza dell'amministrazione locale 

L’indice, che ha una correlazione dello 0,7 con la soddisfazione di vivere nella propria città, varia dal minimo del 63,8 di Reggio Calabria al 123,8 di Lussemburgo e risulta molto variabile nel gruppo delle città italiane. Una scarsa efficienza percepita dell’Amministrazione pubblica locale è espressa nelle città sarde e siciliane e in quasi tutte le città del Sud (con l’eccezione di Bari), ma anche nelle città di altre ripartizioni.

I valori più bassi sono registrati in particolare a Reggio Calabria, Pescara, Messina, Roma, Sassari, Cagliari, Palermo, Taranto, Catania, mentre i valori più alti sono rilevati a Trento, Bologna, Bolzano/Bozen, Brescia, Bergamo, Verona – livelli simili si riscontrano in molte città tedesche, francesi e spagnole ed in numerose città dell’Europa dell’est.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qualità della vita, a Reggio Calabria solo il 18% dei cittadini sono soddisfatti della sanità

ReggioToday è in caricamento