La solidarietà

Macellaio arrestato, una fiaccolata silenziosa per la famiglia Putortì

Dalla piazza di Oliveto si giungerà alla casa di Francesco dove è avvenuta la rapina la settimana scorsa. Ad organizzare la manifestazione i ragazzi del quartiere e il Nuovo Fronte Popolare che ribadisce la legittima difesa

Oliveto si stringe alla famiglia di Francesco Putortì, l'uomo accusato di aver ucciso un ladro, Alfio Stancampiano, trentenne di Catania, che era entrato all’interno della sua abitazione in contrada Oliveto di Rosario Valanidi a Reggio Calabria, e ne ha ferito un altro, Giovanni Bruno, di 46 anni, anche lui catanese. 

Stancampiano era poi stato abbandonato dai complici, fuggiti via verso la Sicilia, davanti all'ospedale Morelli a Reggio Calabria.

Putortì è rinchiuso in carcere ad Arghillà, e il suo fermo, infatti è stato convalidato ed il gip ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Ma se da una parte c'è la magistratura a ricordare che Putortì "non era in pericolo di vita e poteva chiamare le forze dell'ordine", dall'altra ci sono quanti conoscono quest'uomo, gli abitanti di Oliveto e non solo, e lo descrivono come persona buona e adesso invocano la "legitima difesa". 

manifesto fiaccolata NFPCosì ecco che i ragazzi del quartiere e il Nuovo Fronte Politico, movimento politico, hanno voluto organizzare una manifestazione silenziosa. 

Questa sera, martedì 4 giugno, ecco che sfileranno tra le strade del quartiere e si sono dati appuntamento alle ore 21.00 in Piazza Cilea, ad Oliveto). Una fiaccolata per sostenere e aiutare la famiglia Putortì dopo la tragedia vissuta la scorsa settimana. 

Dalla piazza, in silenzio, si giungerà a casa di Franco perché dicono gli organizzatori: "Quello che oggi è capitato a lui, domani a chi capiterà?”. 

Intanto i legali di Putortì, l'avvocato Maurizio Condipodero e l'avvocata Giulia Dieni, hanno depositato l'istanza al Tribunale della Libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Macellaio arrestato, una fiaccolata silenziosa per la famiglia Putortì
ReggioToday è in caricamento