rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Onda arcobaleno

Reggio Calabria Pride, -4 giorni all'attesa parata rainbow: svelate tutte le novità

L'evento, promosso dell'Arcigay "Due Mari", è stato presentato questa mattina dalla presidente Michela Calabrò. Alla conferenza stampa presente anche Doretta, drag queen, e madrina dell'iniziativa

Macchina organizzativa in pieno fermento. Quattro giorni all'alba e la rainbow flag tornerà a sventolare, orgogliosa e fiera, tra le strade del centro storico, per il Reggio Calabria Pride 2023.

La manifestazione, a sostegno dei diritti della comunità Lgbtqia+ e contro ogni discriminazione, sabato 22 luglio invaderà, armata di colori e gaiezza, la città dello Stretto. Anche per questa edizione l'Arcigay "Due Mari", che promuove la parata, ha scelto come slogan e hashtag: we are everywhere, noi siamo ovunque, frase iconica dei Moti di Stonewall che, a distanza di tanti anni torna come un monito.

"Lo abbiamo fatto proprio - spiega la presidente dell'associazione Michela Calabrò - perchè ci riconosciamo come persone attiviste, come persone che si impegnano quotidianamente nei diritti e nella piena affermazione di tutte e tutti".

L'evento è stato presentato questa mattina in conferenza stampa alla presenza dell'assessora comunale Angela Martino, di Antonino Tramontana, presidente della Camera di commercio, e di Valentina Tripepi Margiotta, portavoce Reggio Calabria Pride. Immancabile la presenza di Doretta, drag queen e madrina della parata reggina.

La parata dell'orgoglio: le origini

Non tutti forse sanno che la manifestazione che celebra l'orgoglio gay nasce da un episodio tragico: nelle prime ore del mattino di sabato 28 giugno 1969, a New York, nel Greenwich Village di Lower Manhattan, scoppiarono dei violenti disordini dopo l'ennesimo raid della polizia nel bar Stonewall Inn di Christopher Street, frequentato da omosessuali e transgender. L'episodio e l'eco nati da quella ribellione diedero impulso al movimento Lgbt che iniziò da quel momento ad acquisire maggiore visibilità rivendicando sempre più, diritti e rispetto.

Manifestazione a rischio...poi l'arcobaleno

La parola alla presidente dell'arcigay "Due Mari" Michela Calabrò: svelato il percorso

"La manifestazione - spiega la presidente Calabrò - è giunta alla sua settima edizione, dal 2014, poi c'è stato lo stop pandemico e negli anni si sono susseguite diverse edizioni, alcune a carattere regionale, altre a carattere cittadino, e anche questo 2023 sarà caratterizzato nella città di Reggio, con il Pride: unica tappa della regione Calabria".

La novità: una troupe cinematografica al seguito

Quest'anno sarà una parata particolare perché a seguire la sfilata e a filmare l'evento ci sarà la troupe del produttore Michele Geria che sta realizzando il docufilm I Leoni, su Doretta, interpretata dal reggino Salvatore Piromalli, e la comunità Lgbtqia+ a Reggio. Il docufilm gode del sostegno della fondazione Calabria Film Commission attraverso il bando di finanziamento alle produzioni audiovisive del 2022.

Doretta, regina e madrina del Pride: l'intervento di Salvatore Piromalli

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reggio Calabria Pride, -4 giorni all'attesa parata rainbow: svelate tutte le novità

ReggioToday è in caricamento