rotate-mobile
Domenica, 3 Marzo 2024
Sindacati

Sciopero nazionale, la voce della protesta anche a Reggio Calabria

Cgil: "Anche in Calabria non passerà l’intimidazione del governo indirizzata a impedire o limitare un diritto costituzionale quale lo sciopero"

La Cgil Calabria sostiene e invita allo sciopero nazionale, che in Calabria si svolgerà venerdì 1 dicembre, tutti i lavoratori calabresi per protestare contro la proposta di legge di bilancio e le politiche economiche e sociali del Governo. L’appuntamento è a Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria a partire dalle ore 10.

"Quella del governo nazionale - spiega la Cgil - è una manovra che non prende in alcuna considerazione il rinnovo dei Ccnl del   settore privato e dei vari comparti produttivi, da tempo scaduti e con gravi conseguenze disincentivanti rispetto al ruolo e funzioni della contrattazione di secondo livello, quindi alcun rimedio per fronteggiare l’inflazione crescente che ha ridotto la capacità d’acquisto dei salari e allo stesso tempo nessun intervento per  l’adeguamento perequativo sulle pensioni.

Una manovra che non guarda al futuro del Paese e che nella nostra regione, rispetto alla carenza di fondi  per le istituzioni locali, contribuisce a un ulteriore indebolimento dei servizi pubblici locali, non garantendo  fondamentali diritti di cittadinanza e infrastrutture materiali e immateriali che in definitiva non rendono la Calabria attrattiva rispetto anche a investimenti produttivi privati, al netto dell’assenza del sostegno pubblico in favore di sviluppo e   politiche industriali.

Risultano assenti i finanziamenti necessari a migliorare, innovare e rendere efficienti i servizi pubblici e sostenere le attività produttive e favorire così un serio piano occupazionale regionale che freni la forte emigrazione dei giovani calabresi, favorisca la stabilizzazione del precariato storico e offra concrete opportunità lavorative agli espulsi dal mercato del lavoro regionale".

Continua Cgil Calabria "come insufficiente risulta il finanziamento sulla sanità che in Calabria  si aggiunge alle politiche austere del Piano di Rientro, confermando  le criticità rispetto alle  necessità del reclutamento di personale indispensabile a garantire il diritto alla salute dei calabresi, con la diminuzione dei tempi  per le liste d’attesa, frenando la mobilità passiva sanitaria  e non consentendo anche alla nostra Regione il miglioramento della medicina territoriale prevista dai Fondi del Pnrr, risultanti ridimensionati da tagli indiscriminati!.

Alcune Regioni del Mezzogiorno e tra queste la Calabria, l’1 dicembre sciopereranno per fare sentire la voce della protesta, per l’assenza di interventi in favore del Sud del Paese che non risulta essere nell’agenda dei provvedimenti del governo e anzi alcuni di questi aggiungono problemi a quelli storici e strutturali, in particolar modo della nostra Regione e non tengono in alcuna considerazione le rivendicazioni contenute nelle piattaforme sindacali  “Vertenza Calabria”, “Piano per Il Lavoro” e fanno presagire per un pericoloso arretramento economico e sociale, contro il quale sentiamo di dover rispondere con azioni di protesta e mobilitazione a partire dall’appello a una massiccia  adesione, di tutti i lavoratori calabresi, allo sciopero di venerdì 1 dicembre e alla partecipazione, nella stessa giornata, alle previste manifestazioni di Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria.

"Anche in Calabria - conclude Cgil - non passerà l’intimidazione del governo indirizzata a impedire o limitare un diritto costituzionale quale lo sciopero. Nella nostra regione si aggrava la sofferenza, il disagio sociale ed economico, un malessere profondo che, come nel resto del Paese, merita una lotta serrata che, in Calabria,  continuerà anche dopo l’1 dicembre  con una crescente protesta  promossa dal Sindacato che continuerà a mobilitare  lavoratrici, lavoratori, pensionate/i, cittadini e giovani".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero nazionale, la voce della protesta anche a Reggio Calabria

ReggioToday è in caricamento