Lunedì, 22 Luglio 2024
Dopo la sentenza

Caos rifiuti, l'opposizione denuncia: "Potenziale danno erariale da centinaia di milioni di euro"

I consiglieri comunali Armando Neri, Giuseppe De Biasi, Mario Cardia, Antonino Caridi e Antonino Minicuci parlano dopo la sentenza che ha scritto la parola fine sulla vicenda dell’aggiudicazione dell’appalto

"La sentenza del Consiglio di Stato n. 813/2024 ha scritto la parola fine sulla vicenda dell’aggiudicazione dell’appalto sui rifiuti, che – ricordiamolo – era stato indetto dall’amministrazione per la durata massima di 48 mesi, con opzione di proroga per ulteriore 12 mesi e per un valore complessivo di ben 118 milioni di euro", è quanto affermano i consiglieri comunali di opposizione Armando Neri, Giuseppe De Biasi, Mario Cardia, Antonino Caridi e Antonino Minicuci.

"Il testimone passa, dunque, ad Ecologia Oggi. Questa sentenza mette a nudo le gravissime lacune politiche e amministrative del sindaco e dell’assessore “competente” all’igiene urbana Brunetti, già sindaco facente funzioni, - dicono i consiglieri - che per redigere il bando e seguirne lo sviluppo si erano avvalsi addirittura della collaborazione di tre super – esperti, consulenti lautamente pagati con risorse pubbliche, quindi con le tasse dei cittadini.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti: l’ennesimo disastro politico e amministrativo firmato Falcomatà-Brunetti-Pd, che getta nuovamente nel caos e nell’incertezza la nostra città sul tema dei rifiuti e dell’igiene urbana, ma purtroppo c’è di più. Qualcosa che va detto e che questa amministrazione sta volutamente tacendo, perché a pagare saranno i cittadini".

"Leggendo la sentenza si nota, infatti, che per ben due volte il Comune ha sbagliato nella scelta della società - evidenziano i consiglieri - a cui affidare l’appalto dei rifiuti: la prima in occasione dell’aggiudicazione originaria, avvenuta nell’agosto 2021, mentre la seconda volta nel dicembre 2022, dopo la prima sentenza del Consiglio di Stato che ordinava all’amministrazione di procedere ad una rinnovata e motivata valutazione specifica e puntuale dell’offerta della Tecknoservice.

“Errare è umano, perseverare diabolico”, recita un antico detto. In questo caso la perseveranza è stata diabolica, perché questo ennesimo disastro amministrativo e politico, alla luce della sentenza del Consiglio di Stato, ha provocato un potenziale danno erariale di centinaia di milioni di euro ed è frutto di un’arroganza senza precedenti che Falcomatà, Brunetti e il Pd usano quotidianamente nel governare la città, diventata ormai vittima di contrasti interni alla maggioranza, di giochi di potere e lottizzazioni politiche del centrosinistra, che nulla hanno a che fare con gli interessi dei cittadini".

"Il potenziale danno erariale da centinaia di milioni di euro - denunciano Neri, De Biasi, Cardia, Caridi e Minicuci - scaturisce infatti dal risarcimento del danno che Ecologia Oggi potrebbe chiedere al Comune, pari al valore dell’appalto da 118 milioni che, come ha affermato il Consiglio di Stato, l’amministrazione ha sbagliato ad aggiudicare per ben due volte. Chi pagherà le conseguenze di questo scellerato danno erariale?

Chi pagherà un risarcimento da centinaia di milioni, cagionato dalla persistente sciatteria politica ed amministrativa di chi oggi governa la città? Forse lo pagheranno i cittadini? Sarà fondamentale in questa fase continuare a garantire il servizio e tutelare le maestranze ed i lavoratori adibiti al servizio di igiene urbana, a cui va il nostro pieno sostegno e la nostra solidarietà".

"Tra un mese saremo chiamati a discutere il nuovo bilancio del Comune e con esso il Piano economico e finanziario della Tari. Dopo l’uscita dal piano di riequilibrio ci saremmo aspettati un abbassamento delle tasse, della Tari ed invece si corre il rischio di far pagare ai cittadini i disastri di Falcomatà e company, un potenziale danno erariale che manderebbe nuovamente in default le casse comunali.

Sul tema dei rifiuti, della sentenza e di questo potenziale danno da centinaia di milioni, registriamo il silenzio di Falcomatà, che giustamente si guarda bene dal parlarne, perché non conviene o perché sarà impegnato a tagliare nastri e nastrini.

Come consiglieri comunali di opposizione, - concludono  Neri, De Biasi, Cardia, Caridi e Minicuci -  vigileremo con attenzione sugli sviluppi di questa vicenda, trasmettendo tutti gli atti alla Corte dei Conti e interpellando i fautori di questo ennesimo dramma politico e contabile nelle commissioni competenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos rifiuti, l'opposizione denuncia: "Potenziale danno erariale da centinaia di milioni di euro"
ReggioToday è in caricamento