Sabato, 20 Luglio 2024
La seduta

Sistema di videosorveglianza, al via il progetto esecutivo: 24 le telecamere in aree a rischio

La relazione illustrativa del comandante Salvatore Zucco nel corso della seduta della commissione affari istituzionali e legalità presieduta da Giuseppe Marino

Della delibera approvata lo scorso 21 giugno dalla Giunta comunale, dei nuovi sistemi di videosorveglianza per garantire maggior sicurezza ai cittadini e aiutare le forze dell’ordine a svolgere il loro lavoro si è discusso nella seduta della Commissione affari istituzionali e legalità, presieduta dall’avvocato Giuseppe Marino, nel corso della quale ha relazionato il dirigente del settore polizia municipale e viabilità, Salvatore Zucco.

"Una seduta per fare il punto in ordine alle misure attuate dall’Amministrazione – ha precisato Marino -  in particolare il percorso portato avanti dal Comando di polizia locale, sulla “smart control room” che consente il controllo di numerosi punti città con la videosorveglianza, e grazie alla nuova delibera, del potenziamento che sarà effettuato sullo stesso sistema".

"Saranno 24 le telecamere nelle aree a rischio di Arghillà, rione Marconi, Ciccarelli e stazione Centrale"

In particolare, il 21 giugno, l’esecutivo ha approvato la delibera numero 111 che riguarda il progetto esecutivo del “Sistema di videosorveglianza con telecamere munite di funzionalità di video analisi ed autoapprendimento nel territorio”, con fondi Poc legalità.

Come spiega il comandante Zucco: "Si tratta del potenziamento del sistema di videosorveglianza finalizzato all’implementazione di nuovi sistemi video, non ordinari. Il bando parla di sistemi dotati di intelligenza artificiale, tra i requisiti era prevista la necessità di inserimento in aree degradate. Nel progetto esecutivo sono state individuate le aree a rischio di Arghillà, rione Marconi, Ciccarelli e stazione Centrale, in cui saranno istallate 24 telecamere. Sarà mandato a gara tra qualche giorno".

Ztl sul corso Garibaldi e sistemi semaforici sulle bretelle del Calopinace

Zucco ha anche riferito le novità sulle Ztl del corso Garibaldi che fanno parte del sistema integrato di monitoraggio della città: "Sono stati affidati i lavori per l’istallazione dopo le trattative con Soprintendenza ed Enel. Infine stanno partendo anche i sistemi semaforici sulle bretelle del Calopinace".

In conclusione Zucco ha precisato "Cerchiamo di contribuire in maniera fattiva a fornire supporto alle forze dell’ordine: ci sono stati dei fatti, anche molto cruenti, che sono stati risolti grazie alla videosorveglianza. Questo è un vanto per noi, ma un motivo d’orgoglio apprezzato dalle altre forze di polizia".

La riunione

Tante sono state nel corso della seduta le domande e gli interessanti contributi forniti dai consiglieri di maggioranza e opposizione. A margine dell’incontro è emerso il non funzionamento di una serie di telecamere di videosorveglianza a causa dei lavori effettuati da una società esterna al Comune di Reggio. I consiglieri all’unanimità hanno votato un ordine del giorno per sollecitare il settore Manutenzione affinché possa essere risolto celermente il problema e ripristinato il funzionamento delle telecamere. 

Il presidente Marino ha ringraziato Zucco per il contributo reso sullo stato dell’arte. "Sono molto soddisfatto del lavoro fatto in questi dieci anni dall’Amministrazione Falcomatà: in generale un lavoro di contrasto all’illegalità, alla criminalità. Prima il controllo del territorio era spesso demandato alle forze dell’ordine tradizionalmente intese.

Da poco tempo a questa parte, grazie all’attivismo del comando di polizia locale, anche l’Amministrazione sta attuando controllo del territorio, utilizzando tecnologie avanzate, sistemi di videosorveglianza innovativi, a cui si aggiunge anche l’applicazione dell’intelligenza artificiale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sistema di videosorveglianza, al via il progetto esecutivo: 24 le telecamere in aree a rischio
ReggioToday è in caricamento