rotate-mobile
Il fatto

Prende a calci il cugino e tenta di dargli fuoco: arrestato 78enne

Tempestivo e provvidenziale l'intervento del fratello della vittima e degli agenti delle Volanti. Per l'uomo disposti gli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Dopo una lite, pare per futili motivi, lo aveva aggredito e colpito a calci tentando poi di dargli fuoco. Solo grazie al tempestivo intervento, in un primo momento, del fratello della vittima, e successivamente degli agenti delle Volanti della polizia, si è evitata la tragedia e per un 78enne reggino sono scattate le manette con l'accusa di tentato omicidio.

I fatti

Gli agenti, dopo una richiesta di aiuto giunta al 113 della sala operativa, sono intervenuti sul posto e hanno fermato l’uomo dopo che aveva colpito a calci il cugino, che si trovava a terra, cosparso di liquido infiammabile.

"La vittima - fanno sapere dalla Questura - ha dichiarato al personale delle Volanti che il cugino, a seguito di una lite per futili motivi, lo aveva aggredito e gli aveva riversato addosso del liquido infiammabile da un bidoncino e che poi non era riuscito a dargli fuoco, nonostante tentasse di utilizzare un accendino da cucina".

La vittima ha anche dichiarato che "nel tentativo di scappare è caduto a terra ed ha urlato per richiamare l’attenzione dei vicini, ma è stato colpito a calci dal suo aggressore".

L’autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto per tentato omicidio operato dalle Volanti ed ha disposto per l'uomo gli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prende a calci il cugino e tenta di dargli fuoco: arrestato 78enne

ReggioToday è in caricamento