rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
L'intervento / Arghillà

Salute carceraria, fatto un passo avanti nella casa circondariale

Ad Arghillà è stato attivato il gabinetto radiologico. La soddisfazione della garante dei detenuti Russo: "Frutto del duro, costante e leale lavoro di tutti coloro che siedono al tavolo tecnico della sanità penitenziaria"

“Compiuto un altro passo avanti per la cura delle persone private della libertà personale nel comune di Reggio Calabria. Presso la casa circondariale di Arghillà è stato finalmente messo in funzione il gabinetto radiologico. Non può esimersi dal ringraziare Lucia Di Furia, commissario dell’Asp, per il suo encomiabile e straordinario lavoro e così, anche la squadra da lei guidata: i dottori Caridi, Giordano, Pangallo, il personale amministrativo, medici e infermieri tutti”. È quanto dichiara Giovanna Russo (nella foto), garante comunale per i diritti delle persone detenute di Reggio Calabria.

Garante Avv. Giovanna Russo-2“È stata scritta un’altra bellissima pagina di buona sanità a garanzia e tutela dei diritti delle persone private della libertà personale. Questo non è altro che frutto del duro, costante e leale lavoro di tutti i partners che siedono al tavolo tecnico della sanità penitenziaria reggina che ho voluto istituire per dare risposte a diritti essenziali. È un risultato straordinario, che si somma ad un elenco di altri obiettivi già raggiunti sotto la guida della dottoressa Di Furia”, dichiara ancora la garante comunale Giovanna Russo che, presente in istituto per una visita istituzionale, ha anche potuto assistere alla messa in funzione dell’apparato radiologico da parte dei tecnici.

Per la garante: “L’avvio del gabinetto radiologico non è solo un beneficio di cui godranno le persone detenute che ne avranno necessità diagnostiche ma contribuirà anche ad alleggerire, almeno in parte, il già faticoso compito del servizio traduzioni e piantonamenti del corpo di Polizia penitenziaria”.
“Tutti gli obiettivi prefissati dal tavolo tecnico - conclude - non lasciano nulla al caso, sono studiati al fine di vagliare le soluzioni adeguate in ragione dei diritti da tutelare. In questo articolato e complesso quadro di riferimento un sentito ringraziamento viene rivolto all’amministrazione penitenziaria, in particolare alla direzione, che sta lavorando in piena sinergia d’intenti al fine di realizzare una sanità penitenziaria a misura d’uomo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute carceraria, fatto un passo avanti nella casa circondariale

ReggioToday è in caricamento