Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Regionali, candidati sotto la lente d'ingrandimento dell'antimafia

La commissione parlamentare avvierà domani la verifica sui nomi proposti dalle liste per il rinnovo del consiglio regionale, oltre 400 i nominativi da passare al vaglio

Si riunisce domani la commissione parlamentare antimafia per discutere i risultati del controllo facoltativo che, quest'anno per la prima volta, ha consentito ai partiti e ai candidati a presidente e a sindaco di sottoporre ai controlli della commissione, con anticipo, le liste provvisorie. La procedura è garantita dal massimo riserbo e potrà favorire l'eventuale sostituzione, prima della presentazione delle liste definitive, di candidati che potrebbero essere ritenuti "impresentabili". In totale, nelle scorse settimane, sono stati sottoposti al vaglio della commissione 459 nominativi.

Per le regionali in Calabria ben undici liste hanno sottoposto i nomi: Coraggio Italia, Fratelli d'Italia, Noi con l'Italia, Forza Azzurri, Forza Italia, Occhiuto Presidente, Lega, Udc, Tesoro Calabria, Calabria Libera, M5S. Per Roma è pervenuta solo la lista M5S cosi come per Latina. Per Napoli solo la lista di Fratelli d'Italia. Il procedimento facoltativo è un controllo ulteriore che si aggiunge all'esame che la commissione parlamentare antimafia farà, come di consueto, sulle liste definitive e depositate.

I risultati di quest'ultima verifica che l'Antimafia è chiamata a svolgere arrivano generalmente a ridosso del voto e i nomi dei cosiddetti impresentabili vengono in tal caso resi pubblici. "Questa modifica era stata presentata per il decreto elezioni e il governo l'aveva bocciata, poi è stata ripresentata nel decreto semplificazioni e approvata", ricorda all'Adnkronos la deputata Fdi Wanda Ferro, principale promotrice del nuovo codice di autoregolamentazione sul controllo delle liste elettorali, approvato all'unanimità dalla Commissione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, candidati sotto la lente d'ingrandimento dell'antimafia

ReggioToday è in caricamento