rotate-mobile
la lettera

Malfunzionamento piattaforma Sue, gli ordini professionali diffidano la Regione

"In mancanza di riscontro urgente alla presente nota si adotteranno tutti gli strumenti atti a tutelare i diritti e gli interessi violati e che sono fonte di danno"

Una lettera di diffida, inviata via pec per segnalare il malfunzionamento della piattaforma Sue. Sono i presidenti degli ordini professionali della Calabria che ancora una volta, unitamente, tornano a scrivere al presidente della giunta regionale, Roberto Occhiuto e al presidente di Fincalabra, Alessandro Zanfino e al dirigente generale del dipartimento infrastrutture della Regione Calabria Claudio Moroni.

Un problema già segnalato da tempo ma ancora non risolto. Scrivono:" Risulta ancora oggi sostanzialmente inutilizzabile. I tempi di attesa per l’accesso risultano assolutamente incompatibili con lo svolgimento della professione, arrecando un gravissimo danno alla collettività e all’economia del territorio.

Questo nonostante le continue rassicurazioni di una celere, efficace e risolutiva soluzione, comunicata dalla Regione Calabria e da Fincalabra in più occasioni, ma mai concretizzata. Tutto ciò premesso, si invita la Regione Calabria e Fincalabra a indicare con immediatezza quali siano ad oggi le azioni che si intendono perseguire, atteso che quanto comunicato durante le numerose precedenti riunioni, tra tutte quella del 14 dicembre 2023, non ha dato alcun esito significativo".

"Gli ordini professionali tecnici calabresi- scrivono -  hanno dato e stanno dando doverosa e corretta collaborazione istituzionale, sempre con spirito propositivo e collaborativo, ma oggi, alla luce di anni di attesa, di tanti impegni della Regione e di mancate soluzioni, pretendono, a tutela non solo della professione, ma anche e principalmente della collettività, che la Regione Calabria si doti di adeguati sistemi informatici.

Si evidenzia che in mancanza di riscontro urgente alla presente nota si adotteranno tutti gli strumenti atti a tutelare i diritti e gli interessi violati e che sono fonte di danno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malfunzionamento piattaforma Sue, gli ordini professionali diffidano la Regione

ReggioToday è in caricamento