rotate-mobile
Il progetto

La Regione attiva percorsi didattici nelle fattorie della Calabria

Iniziativa per le scuole illustrata dalla vicepresidente della giunta Giusi Princi e l'assessore regionale Gianluca Gallo

Un percorso per conoscere la natura e i prodotti tipici del territorio e insieme promuovere corretti stili di vita e di alimentazione. La vicepresidente della giunta regionale con delega all’Istruzione, Giusi Princi, e l’assessore Gianluca Gallo, detentore della delega all’agricoltura ed alle risorse agroalimentari insieme all’Ufficio Scolastico regionale, hanno informato tutte le scuole della regione del primo ciclo che sarà data la possibilità ai bambini calabresi di vivere, presso le fattorie didattiche della regione, attività didattico-laboratoriali con degustazione di prodotti tipici.

In una nota congiunta i due esponenti della giunta Occhiuto affermano: "La qualità della vita è strettamente legata a come ci si nutre; obiettivo strategico della Regione è, pertanto, quello di migliorare i consumi alimentari biologici a km zero ed educare contemporaneamente i bambini ad uno stile di alimentazione più sano e genuino, improntato all’utilizzo di prodotti made in Calabria". 

Gli amministratori regionali anticipano che l’educazione ad un corretto stile alimentare dei bambini calabresi verrà promossa, a breve, anche con specifici contributi destinati all’attivazione delle mense biologiche regionali, per cui, gli assessori in questione coinvolgeranno tutti i comuni calabresi in quanto stazioni appaltanti per i servizi di mensa.

Nell’ambito del progetto dedicato alle attività di informazione, promozione ed educazione alimentare in materia di agricoltura biologica, recita l’informativa indirizzata alle scuole, nel periodo compreso tra febbraio e giugno 2023, nelle diverse fattorie didattiche diffuse in Calabria e coordinate da Arsac (Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese), verranno allestite mostre sulla biodiversità e sulle produzioni biologiche, con aree di degustazione guidata per spiegare e fare assaggiare ai bambini delle scuole aderenti le bontà e la salubrità dei prodotti genuini calabresi rigorosamente biologici.

A tal fine, il dipartimento agricoltura, risorse agroalimentari e forestazione con apposita convenzione per l’annualità 2022/2023 ha, infatti, individuato l’Arsac quale Ente da coinvolgere per il raggiungimento delle finalità in oggetto.

“La ristorazione scolastica è un importante e continuo momento di educazione e promozione della salute dei bambini - affermano gli assessori Princi e Gallo - che deve coinvolgere anche docenti e genitori, nell’ottica anche di una cultura più rispettosa del cibo, andando a ridurre gli sprechi alimentari”.

Il trasporto e l’attività didattico-laboratoriale presso le fattorie, compresa la degustazione, sono totalmente gratuiti per le scuole di primo ciclo interessate; personale qualificato illustrerà il percorso ai bambini e ai loro docenti.

Le giornate informative si terranno presso le seguenti sedi Arsac nel periodo compreso tra il 15 febbraio e il 10 giugno: Csd San Marco Argentano (Cs); Csd Gioia Tauro (Rc); Csd San Pietro ametino (Cz); Csd Monte Veltrano (Cs); Csd Locri (Rc); Csd Mirto (Cs); Csd Villa Margherita Cutro (Kr). 

Per tutti gli aspetti organizzativi e per concordare luogo e data di partecipazione, le scuole interessate potranno contattare gli uffici preposti tramite la seguente email: luigia.florio@arsac.calabria.it

“Insieme al Presidente Occhiuto abbiamo fortemente sostenuto il progetto, perché siamo convinti – aggiungono in conclusione la vicepresidente Giusi Princi e l’assessore Gianluca Gallo - di intercettare nelle realtà scolastiche calabresi la comune consapevolezza che la prima politica sanitaria e, quindi, la prevenzione delle più comuni patologie, debba partire dal concreto sostegno alle scuole affinché educhino i giovani ad un corretto stile di vita e ad una sana e giusta alimentazione delle giovani generazioni e delle loro famiglie coerente ai principi di sostenibilità ed economia circolare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione attiva percorsi didattici nelle fattorie della Calabria

ReggioToday è in caricamento