Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riconoscimento a Nino Candido, la mamma Marina: "Il suo ricordo è ancora vivo" |VIDEO

La cerimonia, nel rispetto delle misure anti Covid si è svolta nella sala Giuditta Levato di Palazzo Campanella. presenti i familiari e le istituzioni cittadine

 

"Oggi è un giorno doloroso ma è anche il giorno del ricordo e del rinnovato affetto alla famiglia di Antonino Candido, un caro figlio di questa terra che ci è stato strappato dalla becera cattiveria umana.

La morte di Antonino, Matteo Gastaldo e Marco Triches è un'enorme tragedia umana, o meglio disumana, perché poteva essere evitata se solo i responsabili dello scoppio della cascina a Quargnento avessero avvisato in tempo, la squadra dei Vigili del fuoco in servizio la notte del 5 novembre scorso". Lo ha affermato il consigliere regionale Nicola Paris, in occasione della consegna del riconoscimento alla memoria di Nino Candido, morto, coi suoi colleghi, nell'esplosione di una cascina a Quargnento in provincia di Alessandria.

Alla sobria cerimonia, svolta nella sala Giuditta Levato di palazzo Campanella, nel rispetto delle norme anti Covid, hanno preso parte i familiari del giovane vigile del fuoco, il comandante provinciale ingegnere Carlo Metelli, il prefetto Massimo Mariani, il sindaco Giuseppe Falcomatà e i comandanti provinciali delle forze dell'ordine. "Noi - ha proseguito Paris - non vogliamo dimenticare il sacrificio, l'entusiasmo, la professionalità, la gentilezza e la dedizione dei nostri tre uomini dello Stato e, nello stesso tempo, non possiamo permettere che la crudeltà gratuita di chi ha sottratto agli affetti Nino, Matteo e Marco non paghi il suo debito con la Giustizia, con lo Stato, con una comunità intera che piange i suoi figli, fratelli, mariti. 

Antonino amava il suo lavoro, era fiero ed orgoglioso della divisa che indossava: il corpo dei vigili del fuoco era diventato la sua seconda famiglia e, in questi 12 mesi, grazie ai ricordi della madre, della moglie, degli amici e colleghi, abbiamo conosciuto un figlio prezioso della Calabria, un esempio da seguire per i nostri ragazzi. Nessuna mia parola potrà alleviare questa incolmabile perdita ma il dolore della separazione è nulla in confronto alla gioia di incontrarsi, un giorno, di nuovo.

Mi stringo forte alla sofferenza di mamma Marina, papà Angelo, della sorella Ilaria e della dolce moglie Elena perchè so che il loro lutto non finirà mai, si può solo sopportare e può trovare un po' di sollievo nella fede e nella memoria.

Antonino ci lascia la passione con cui ha portato avanti i suoi ideali e l'infinito amore che vive nei cuori dei suoi cari. Di questi tempi è difficile trovare uomini appassionati, leali e buoni come lui.
La Regione Calabria parlerà per sempre di Antonino, Matteo e Marco alle nuove generazioni e questo è la cosa che più mi fa sperare in un futuro diverso".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ReggioToday è in caricamento