menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una distesa di rifiuti ad Arghillà (foto del 24 dicembre Facebook Giuseppe Naim)

Una distesa di rifiuti ad Arghillà (foto del 24 dicembre Facebook Giuseppe Naim)

Riduzione Tari 2020, Imbalzano sollecita il Comune: "Se ci sei ancora, batti un colpo!"

L'ex consigliere comunale chiede al sindaco "di chiarire alla città cosa intendano fare rispetto alle molte centinaia di istanze avanzate per la riduzione della Tari 2020"

"In attesa che l’inchiesta sui brogli elettorali sbocchi in ulteriori e più che probabili, clamorosi sviluppi, non potendo certo la questione, stante il numero delle sezioni a suo tempo “Segnalate” a chi di dovere, rimanere limitata a
pochissime e pur gravissime responsabilità individuali ed attendendo altresì le dovute determinazioni del ministero dell’Interno, da più parti coinvolto, invitiamo il consiglio comunale ed il sindaco ad assumere una posizione netta sulla richiesta di migliaia di cittadini di ottenere una congrua riduzione della Tari 2020, ancorché in tutto o in parte diligentemente già pagata, a seguito delle notifiche ricevute".

E’ quanto afferma l’avvocato Pasquale Imbalzano, a lungo consigliere comunale e che da mesi si occupa del delicato argomento. "Nessuno si illuda che un fatto così importante e doloroso per le tasche dei cittadini reggini, a fronte di un servizio notoriamente erogato meno che a “singhiozzo” nel corso del 2020 e che ancora oggi registra un pò ovunque sul territorio gravi inefficienze, possa essere “messo dietro le spalle” da parte dell’attuale maggioranza, che forse confida, malissimo!, nella perdita di memoria dei nostri concittadini".

Per l'avvocato Imbalzano "svaniti nel nulla l’annuncio e la promessa dei mesi scorsi che la discarica salvatrice di Melicuccà sarebbe stata attivata entro fine ottobre e già siamo a fine anno, chiediamo al sindaco, all’assessore al ramo, al dirigente del settore finanze e ai responsabili della Hermes Srl, di chiarire alla città cosa intendano fare rispetto alle molte centinaia di istanze avanzate per la riduzione della Tari 2020 sulla base di quanto previsto dai commi 656, 657 , 658 dell’art. 1 della Legge 147 del 27/12/2013 (Legge di Stabilità 2014), dalle numerose sentenze delle commissioni tributarie provinciali pronunciatesi negli anni sull’argomento e soprattutto da quelle della Suprema Corte di Cassazione (l’ultima la n. 19767 del 2020), che inesorabilmente hanno sentenziato il “diritto ad ottenere una riduzione del tributo fino al 40% , in presenza di grave e perdurante disservizio nel servizio di raccolta, anche nei casi in cui il Comune non abbia nessuna colpa".

"Poiché questa riduzione, sempre a mente di queste autorevoli sentenze, - conclude Pasquale Imbalzano - serve a riequilibrare il rapporto tra somma da pagare ed i costi del servizio, diritto che persiste anche nel caso in cui la raccolta avvenga in modo non corretto o non completo, ovvero “a singhiozzo”, è drammaticamente evidente che in mancanza di una iniziativa autonoma del Comune volta a ridurre in quantità congrua la Tari 2020, potrebbe seriamente configurarsi un indebito arricchimento dell’Ente e di quanti, eventualmente, avrebbero fruito di pagamenti non dovuti a fronte di un servizio prestato solo in parte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento