rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
L'intervento

Riforma consorzi di bonifica, Cisl: "Speriamo si concretizzi la possibilità di porre modifiche"

L'intervento dei segretari generali della Fai Cisl nazionale Onofrio Rota, della Fai Cisl Calabria Michele Sapia e della Cisl Calabria Tonino Russo dopo l'approvazione della legge avvenuta nel corso della seduta del Consiglio regionale

“Siamo fortemente convinti che il sistema della bonifica in Calabria necessiti di una vera riforma condivisa e di un confronto sindacale per dare più centralità al lavoro degli addetti, protagonisti dell’attuale campagna irrigua che ad oggi è garantita in parte a spese del personale dipendente, considerati i ritardi nella corresponsione delle mensilità arretrate. Così come occorre dare maggiore rilievo a presidio umano e lavoro, tramite investimenti, sostenibilità finanziaria e programmazione”, affermano in una nota congiunta i segretari generali della Fai-Cisl nazionale Onofrio Rota, della Fai-Cisl Calabria Michele Sapia e della Cisl Calabria Tonino Russo, a seguito dell’approvazione della proposta di legge della Giunta regionale sulla riforma della bonifica calabrese, avvenuta nel corso della seduta del Consiglio regionale di ieri.

“Una legge che crea apprensione -continuano i sindacalisti- sia per la scelta di accentrare tutto nel Consorzio unico, che rischia di creare una mega struttura consortile e non risolve le difficoltà amministrative attuali, trascurando la complessa realtà territoriale calabrese, sia in quanto, pur avendo mostrato la massima disponibilità al confronto e responsabilità per mettere a punto una necessaria, efficace ed efficiente riforma, finalizzata a superare le criticità accumulate in questi anni, non si è sviluppata la partecipazione auspicata". 

"Ci auguriamo – aggiungono Rota, Sapia e Russo – che le dichiarazioni del Presidente Occhiuto, rispetto alla possibilità di porre modifiche e correttivi alla riforma, già a partire da settembre, possano realmente concretizzarsi in un vero confronto e valutazioni di merito, rispetto alle varie riflessioni e proposte sindacali, in particolare quelle emerse nel documento dalla Fai-Cisl consegnato in Commissione regionale”.

“Ribadiamo ancora una volta che è necessario continuano dare certezze e prospettive al personale dipendente, mettere al centro il lavoro senza il quale non potrebbe esistere il concetto stesso di bonifica. Sarebbe un atto concreto di responsabilità per correggere quelle criticità presenti nel testo della legge approvata, che attendiamo di leggere nel dettaglio, e mettere freno a uno scenario futuro di incertezza e dequalificazione in un settore che necessita di valorizzare il capitale umano, tutelare le professionalità presenti, sostenere il presidio umano e territoriale, e avviare un ricambio generazionale, attraverso una programmazione di lungo periodo e investimenti per il lavoro ben formato, sicuro, contrattualizzato e qualificato, per aprire veramente una nuova stagione della bonifica calabrese che guardi ai prossimi trent’anni". 

"L’insufficiente confronto di questi mesi con le parti sociali – concludono i sindacalisti della Cisl – ci auguriamo venga recuperato, per non continuare a trascurare e, soprattutto, non dimenticare facilmente, l’importante e professionale lavoro svolto ieri e oggi da lavoratrici e lavoratori, in forza o già in quiescenza, presso gli 11 enti consortili, teso a garantire servizi pubblici essenziali per l’agricoltura e funzioni a tutela del territorio e delle persone”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riforma consorzi di bonifica, Cisl: "Speriamo si concretizzi la possibilità di porre modifiche"

ReggioToday è in caricamento