Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lanciano uno zainetto con la droga dal balcone: due coniugi finiscono nei guai |VIDEO

Maxi blitz dei carabinieri. Eseguite diverse perquisizioni domiciliari nel popoloso Rione Marconi. Controllate su strada 300 persone e oltre 50 veicoli, elevate contravvenzioni al codice della strada per migliaia di euro

 

Maxi blitz, questa mattina, nel popoloso rione Marconi di Reggio Calabria. I carabinieri, coordinati dalla Procura, hanno eseguito controlli serrati sul territorio, finalizzati alla prevenzione e repressione di reati predatori, alla ricerca di armi e stupefacenti.

All'operazione hanno partecipato 150 militari della compagnia reggina, insieme ai carabinieri dello squadrone eliportato dei Cacciatori di Calabria, le unità specializzate dei carabinieri cinofili, con la
sorveglianza aerea di un elicottero dell’8° elinucleo di Vibo Valentia.

I dettagli

A finire nei guai marito e moglie, arrestati per detenzione ai fini di spaccio di marijuana. A condurre i militari verso l’abitazione dei due, già noti alle forze dell’ordine, la vista di uno zainetto scolastico, lanciato dal balcone, al cui interno sono stati ritrovati circa 200 grammi di stupefacente.

La successiva perquisizione domiciliare ha consentito ai carabinieri di ritrovare 500 grammi di erba, già suddivisa in dosi. Insieme allo stupefacente, pronto ad essere immesso nel mercato illegale della droga, è stato rinvenuto anche un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento, oltre alla somma di duemila euro, trovata nella disponibilità dei due coniugi, ritenuta, secondo gli inquirenti, "provento dell’attività illecita".

I controlli

Sono stati inoltre denunciati all’autorità giudiziaria due persone per furto di energia elettrica e un altro
per resistenza a pubblico ufficiale. Infine, i carabinieri hanno eseguito mirati accertamenti alla circolazione stradale. Sono state controllate 300 persone e oltre 50 veicoli, di cui 12 sono finiti sotto sequestro. Elevate anche contravvenzioni al codice della strada per migliaia di euro.

"Un servizio pianificato nel dettaglio, - spiegano dal comando provinciale dell'Arma - che testimonia l’attenzione dei carabinieri alle aree periferiche del capoluogo, attraverso la vigilanza quotidiana e la raccolta capillare di informazioni resa possibile dalle stazioni, primi sensori sul territorio".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ReggioToday è in caricamento