rotate-mobile
Aspromonte / Roccaforte del Greco

Piantagione di marijuana scoperta a Roccaforte del Greco: 600 piante "in fumo"

Carabinieri e Cacciatori di Calabria hanno scovato anche una struttura adibita ad "essiccatoio" per la sostanza stupefacente e una busta contente circa 170 grammi di droga pronta per essere venduta

A Roccaforte del Greco, in località Pollia, in zona alta aspromontana, i carabinieri della compagnia di Melito di Porto Salvo e dello squadrone eliportato Cacciatori “Calabria”, nell’ambito di controllo del territorio anche nelle aree più impervie del Parco Nazionale dell’Aspromonte, hanno rinvenuto una piantagione di marijuana di circa 600 piante di cannabis, alte tra i 100 e i 150 centimetri e relativo sistema di irrigazione.

"Estese le ricerche anche nelle immediate adiacenze, - spiega il comando provinciale dell'Arma - i militari hanno scovato anche una struttura costruita artigianalmente adibita ad “essiccatoio” per la sostanza stupefacente e una busta contente circa 170 grammi di marijuana, pronta verosimilmente per essere venduta nelle diverse piazze di spaccio del capoluogo reggino oltre che la presenza di 3 fototrappole ad infrarossi appositamente installate dai malviventi al fine di controllare gli accessi al sito".

Le piante, su disposizione dell’autorità giudiziaria, sono state distrutte sul posto dai militari, previa campionatura, per i successivi accertamenti qualitativi e quantitativi mentre il rimanente materiale rinvenuto, è stato sottoposto a sequestro penale.

Un’attività incisiva e sempre più specializzata quella di contrasto, messa in campo dai carabinieri reggini attraverso i continui rastrellamenti su tutto il territorio aspromontano costituito da una fitta vegetazione
che, per la sua peculiare caratteristica a terrazza e il suo microclima, si presta in particolar modo alla
coltivazione di estese e rigogliose piantagioni di marjiuana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piantagione di marijuana scoperta a Roccaforte del Greco: 600 piante "in fumo"

ReggioToday è in caricamento