rotate-mobile
La cerimonia / Roccella Ionica

Il maestro orafo Affidato realizza la corona per l'Addolorata di Roccella

Folla di fedeli al rito dell’incoronazione presieduta dal vescovo Francesco Oliva

Il simulacro della Beata Vergine Maria Addolorata che si venera in Roccella Jonica, ha una nuova corona. Lo scorso 15 settembre, sul sagrato della Chiesa di S. Anastasia al Borgo è avvenuta l’incoronazione per mano di monsignor Francesco Oliva, vescovo della diocesi di Locri-Gerace.

Erano presenti, il parroco don Francesco Carlino, diversi sacerdoti, il sindaco Vittorio Zito, le massime cariche istituzionali alla presenza di moltissimi fedeli. L’evento è coinciso nell’ambito dei festeggiamenti legati alla Madonna dell’Addolorata, che si svolgono ogni anno nella terza domenica di settembre.

Il culto della Vergine Addolorata risalente al 1798, grazie all’impegno del comitato permanente Maria SS. Addolorata, con il sostegno del parroco, si adopera per tramandare mantenendo vivo il culto in onore della Madonna. Un grande, intenso e solenne momento è stato quello dell’incoronazione, che l’intera comunità roccellese ha vissuto con fede, devozione e venerazione.

Per la realizzazione della nuova Corona è stato dato incarico al maestro orafo Michele Affidato, conosciuto ed apprezzato per la creazione di diverse opere di arte sacra. Non ultima la realizzazione delle nuove corone per la Madonna di Polsi. Con la sua arte, il maestro orafo che lavora anche per il Vaticano, assieme a tutta la sua azienda, da decenni si impegna in questa particolare forma d’arte contribuendo con le sue opere a valorizzare sempre di
più il patrimonio della Chiesa nazionale ed internazionale.

La corona è stata realizzata interamente a mano in argento raffiguranti motivi floreali con parti laminate in oro ed impreziosite con 18 pietre di colore azzurro, giallo e ametiste. I festeggiamenti sono stati arricchiti da diversi eventi
collaterali, legati alla Settimana della Cultura.

Dal 10 al 17 settembre, si sono svolti convegni, presentazioni di libri, aperture straordinarie di musei e luoghi d'interesse, concerti e spettacoli e non ultimo una sette giorni inaugurata con la mostra itinerante di Antonio Affidato: “Rara Avis”, visitabile fino al prossimo 10 ottobre a Palazzo Bottari. Un percorso di fede e devozione ma anche di riflessione e crescita culturale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il maestro orafo Affidato realizza la corona per l'Addolorata di Roccella

ReggioToday è in caricamento