Giovedì, 18 Luglio 2024
Imprese

Salario minimo, per la Cna Calabria non è la soluzione adeguata

Il presidente Giovanni Cugliari: "Spesso la retribuzione oraria supera i nove euro l’ora"

Per i lavoratori sfruttati o senza tutele il Cna Calabria non vede il salario minimo come strumento utile. Lo dice chiaramente il presidente Giovanni Cugliari perché nel "settore artigiano esiste una diversificazione salariale in base ai rami di attività dell'impresa e alla dimensione aziendale e in cui spesso la retribuzione oraria supera i nove euro l’ora".

 “Non è questa la soluzione adeguata a risanare quelle situazioni che vedono i lavoratori sfruttati o senza tutele. Il Paese, e in particolar modo la Calabria, ha bisogno di altro – afferma il presidente di Cna Calabria Giovanni Cugliari -. Gli sforzi devono essere dirottati sulla valorizzazione e la tutela della contrattazione, sull’arginare il lavoro irregolare, sull’effettiva applicazione degli Ccnl, su un’adeguata rappresentanza datoriale e salariale”.

“I contratti sottoscritti dalla Cna prevedono, anche ai livelli minimi, retribuzioni ben superiori a quelle proposte dal salario minimo”, fa notare Cugliari il quale spiega come sia più opportuna ed urgente “una legge sulla rappresentanza e un sistema di controlli efficiente ed efficace che non chiuda gli occhi di fronte agli illeciti”.

“L’artigianato - spiega il presidente – ha costruito un sistema di welfare molto evoluto grazie al sistema della Bilateralità artigiana che offre tutele avanzate in tema di sanità integrativa e sostegni alle famiglie. Si tratta di un sistema legato ai contratti collettivi firmati dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative. Ecco perché la Cna si sta spendendo affinché venga tutelata la contrattazione: solo così si può aumentare la qualità del lavoro e di vita per i lavoratori e le piccole e medie imprese artigiane”.

“Come Cna - conclude Cugliari - riteniamo sia importante avere soluzioni strutturali piuttosto che temporanee fiscalizzazioni dei contributi o sconti fiscali su incrementi contrattuali. Va affrontato il tema della produttività e dell'equità distributiva e va costruito un sistema di scoraggiamento del dumping contrattuale, i famosi contratti pirata, per favorire un sistema sano e produttivo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salario minimo, per la Cna Calabria non è la soluzione adeguata
ReggioToday è in caricamento