rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Confcommercio

Saldi estivi al via il 2 luglio, Labate: “Buone le attese"

I consigli della Confcommercio per acquisti sicuri e suggerisce di diffidare di sconti troppo alti. Affidarsi ai negozi di vicinato che garantiscono servizi di qualità, professionalità e trasparenza

Cresce l'attesa per i  saldi estivi che prenderanno il via sabato 2 luglio. I saldi dureranno 60 giorni, fino al prossimo 30 agosto. Questa la data fissata dalla Regione Calabria già da dicembre scorso per l'inizio dell'appuntamento che interessa oltre 145 mila famiglie a Reggio Calabria e provincia. 

“La scelta della data di inizio saldi è frutto della deliberazione della Conferenza Stato Regioni alla quale la Calabria si è strettamente attenuta – commenta il presidente di Confcommercio e di Federmoda Reggio Calabria Lorenzo Labate – ed è stata
adottata con l’obiettivo di mantenere una data unica dei saldi al primo sabato di luglio al fine di riequilibrare un mercato condizionato dai lockdown e di evitare ulteriori confusioni tanto ai consumatori quanto agli operatori del dettaglio moda. Una data
che per noi, dalle sensazioni raccolte da molti colleghi, è prematura, ma sulla quale purtroppo, per scelta della Regione, non abbiamo potuto incidere e che, in realtà, è in linea con quanto stabilito negli ultimi anni”.

“Aldilà del momento dell’inizio – prosegue Labate - abbiamo buone attese per i saldi estivi in ragione del caldo di questi giorni e di un ritorno al periodo pre-pandemia nelle abitudini di vita che dovrebbe spingere gli acquisti. Esiste sempre, purtroppo,
l’incognita sulle possibilità di spesa delle famiglie legata al caro-bollette ed ai nuovi aumenti delle materie prime prospettati per l’autunno”.

Secondo i dati nazionali lo scontrino medio dovrebbe essere un po’ più alto dello scorso anno, quando è stato di 180 euro a famiglia perché si sono moltiplicate le occasioni di incontro e di socialità che invitano a rinnovare il proprio guardaroba. 
“Tra i clienti c’è già stato in questi mesi interesse per gli acquisti di capi da cerimonia e ci auguriamo si prosegua su questa scia. La voglia di vacanze, poi, andrà probabilmente ad orientare gli acquisti su capi per il tempo libero, con calzature o tessuti freschi e leggeri. La moda viene da anni difficili, segnati dal calo dei consumi,  e nonostante tutto è uno dei pochi settori dove non si sono registrati aumenti. I commercianti hanno visto scendere in maniera importante i loro ricavi e, il periodo di saldi, speriamo rappresenti per tutti noi un modo per riequilibrare seppure parzialmente i bilanci”.  

“In città - conclude Labate - soprattutto, si vedono più turisti e questo è l’elementi più positivo considerato che il 50° del ritrovamento dei Bronzi rappresenta in sè un attrattore. Indipendentemente da altre iniziative che verranno decise ad altri livelli,
raccogliendo uno stimolo che proviene direttamente dai commercianti, con l’obiettivo di creare rete ed un reale coinvolgimento tra operatori, museo ed istituzioni che vada anche al di là della ricorrenza, abbiamo prima esposto e quindi proposto formalmente
un progetto del quale come Confcommercio siamo disponibili a sostenere in tutto o in parte le spese e che ha già incontrato il favore del Comune di Reggio Calabria e della Città Metropolitana. Ci auguriamo di potere dare a breve ulteriori e buone notizie”.
Come sempre, Confcommercio Reggio Calabria ricorda ai clienti di diffidare di sconti troppo alti e di affidarsi ai negozi di vicinato che garantiscono servizi di qualità, professionalità e trasparenza.

Di seguito le principali regole da rispettare: 


Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che si è acquistato è generalmente lasciata
alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non
conforme (d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206, Codice del Consumo). In questo caso scatta
l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò
risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però
tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto. 
Prova dei capi: non c’è obbligo. È rimesso alla discrezionalità del negoziante. 
Pagamenti: devono essere accettate le carte di credito. 
Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere
stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti
entro un certo periodo di tempo. 
Indicazione del prezzo: indicare in modo chiaro e ben leggibile la composizione del
prezzo di vendita al pubblico (prezzo originario, percentuale di sconto, prezzo scontato
Modifiche e/o adattamenti sartoriali: sono a carico del cliente, salvo diversa pattuizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi estivi al via il 2 luglio, Labate: “Buone le attese"

ReggioToday è in caricamento