menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sambatello, il Comitato: "La Vallata del Gallico è considerata la pattumiera della città"

I cittadini si legge in una nota "si oppongono e si opporranno con determinazione assoluta e con ogni mezzo, sia pure nella legalità, all’ennesimo tentativo di scaricare sulla nostra gente le incapacità delle istituzioni"

"Indubbiamente sfortunata, questa prima metà del 2020, iniziata con un mese intero (gennaio) in cui una crisi idrica senza precedenti ha vessato la nostra popolazione davanti alla supponenza indifferente dell’amministrazione comunale.

Insieme con l’intera comunità nazionale abbiamo anche qui sofferto del discutibile "blocco" del Coronavirus. Occorre dire che neanche in quel periodo le cose sono andate bene con il solito disservizio idrico che in alcune zone (Pettogallico, ad esempio) è stato particolarmente grave". E' quanto afferma in una nota il Comitato Permanente Vallata Gallico che aggiunge "con grande senso del sacrificio, in accordo
col Comitato i residenti sono in qualche modo sopravvissuti senza accendere polemiche in una tanto grave situazione.

Ancora le serrande dei negozi (quelli che hanno potuto) non si erano completamente riaperte, che un altro tentativo di colpo mortale viene inferto a gente stanca ed esasperata: con una ordinanza approvata nottetempo lo scorso sabato l’amministrazione comunale, a fronte della endemica crisi della raccolta rifiuti non trova di meglio che destinare all’impianto di Sambatello tonnellate e tonnellate di "eco balle".

Naturalmente per un periodo temporaneo di sei mesi … rinnovabili! I residenti sanno bene che per le classi dirigenti locali nulla è più definitivo del provvisorio. Ne daremo prossimamente ampie prove". Secondo il Comitato "il fatto dimostra che, con faciloneria e scarsa considerazione per i residenti, la Vallata del Gallico viene considerata alla stregua di pattumiera della città.

La reazione degli abitanti di Sambatello à stata immediata: i cittadini si oppongono e si opporranno con determinazione assoluta e con ogni mezzo, sia pure nella legalità, all’ennesimo tentativo di scaricare sulla nostra gente le incapacità delle istituzioni, regione compresa, di trovare una soluzione definitiva e di buon senso al grave problema". Il Comitato permanente Vallata Gallico non può non esprimere tutta la solidarietà e condivisione della lotta di Sambatello.

Questa è la lotta di tutta la Vallata del Gallico che non ci sta ad essere considerata la discarica di Reggio e Città metropolitana in aggiunta. Ed è anche la lotta di tutta la città che si tenta di strumentalizzare in una deleteria guerra tra poveri". I cittadini non propongono certo di "insozzare, in alternativa, un’altra parte della città. Cosa che potrebbe presto avvenire, se Reggio stessa non si opporrà all’antico stato di obbediente pecorume in cui certe amministrazioni la ritengono confinata.

Oggi, giovedì 11 giugno, il presidente della Commissione ambiente del Comune Ruvolo ha risposto alle richieste ed ha compiuto una visita al presidio permanente allestito dai cittadini, impegnandosi a chiedere al più presto la convocazione della Commissione. Mentre si ringrazia Ruvolo per la sua sensibilità, si rimane in attesa di un
segnale di disponibilità del sindaco: i cittadini sperano in un fattivo confronto anche se ribadiscono, con la massima determinazione, che sono pronti anche alla lotta più dura.

La nostra gente, del resto, è ben conosciuta per la sua generosità ma anche per un’antica tradizione di lotta, anche asperrima, come quella combattuta contro il raddoppio dell’attuale sito che per nessun motivo dovrà diventare una discarica. La salute e la vita dei nostri figli dipende da questo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nasce la "Fede Reggina", gioiello ispirato al lungomare Falcomatà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento