Domenica, 14 Luglio 2024

VIDEO | Il laboratorio della cannabis dentro un capannone dismesso del porto, scatta il maxi sequestro

I carabinieri tolgono dal mercato clandestino della droga circa 600 mila dosi per un valore di circa 3 milioni di euro

Un laboratorio della cannabis all’interno di un opificio dismesso dell’area industriale del porto a San Ferdinando, dentro il quale i carabinieri del gruppo di Gioia Tauro hanno rinvenuto e sequestrato droga già essiccata per un valore di circa 3 milioni di euro.

Dentro il capannone i militari, coordinati dal comandante provinciale Cesario Totaro, hanno rinvenuto oltre 300 sacchi in plastica dal peso di circa 10 chilogrammi ciascuno contenenti cannabis. 

L’immobile, anch’esso oggetto del sequestro, è stato utilizzato per il trattamento delle piante di canapa mediante un articolato sistema di conservazione ed essiccazione effettuato tramite l’utilizzo di luci artificiali, ventilatori di grosse dimensioni e reti in nylon grazie alle quali venivano appese le piante prima della lavorazione. 

All’esito delle successive verifiche chimiche di laboratorio, la sostanza sequestrata, pur essendo riconducibile a tipologie di piante per le quali è consentita la coltivazione, è risultata avere un valore di tetraidrocannabinolo superiore al massimo consentito dalla legge per la commercializzazione legale della cannabis e dunque, su disposizione della procura della Repubblica di Palmi, è stata confiscata per la successiva distruzione.

La sostanza sequestrata, una volta suddivida in circa 600 mila dosi e immessa nel mercato illegale della droga avrebbe fruttato circa 3 milioni di euro. 

Sono ancora in corso ulteriori accertamenti finalizzati ad individuarne la provenienza. Questo è solo l’ultimo sequestro, in ordine temporale, effettuato nelle scorse settimane dai carabinieri di Gioia Tauro che, solo qualche giorno fa, avevano rinvenuto sequestrato migliaia di piante di marijuana in alcuni Comuni della Piana.

Video popolari

ReggioToday è in caricamento