menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La tendopoli di Rosarno

La tendopoli di Rosarno

"Alla tendopoli situazione intollerabile, la zona rossa non risolve l’emergenza": l'appello di Anastasi

Il capogruppo di "Io resto in Calabria" in Consiglio regionale interviene dopo la sassaiola contro la polizia avvenuta ieri sera a San Ferdinando e la chiusura del campo di Rosarno

"Lo Stato deve far sentire davvero la sua presenza a San Ferdinando e a Rosarno. Non è possibile limitarsi a istituire la zona rossa e poi lasciare che sia le persone che sopravvivono nelle tendopoli sia gli appartenenti alle forze dell’ordine rimangano in balia di un’emergenza che ha raggiunto livelli intollerabili per tutti".

È quanto dichiara Marcello Anastasi, capogruppo di "Io resto in Calabria" in Consiglio regionale, che aggiunge: "Non sono accettabili le condizioni che si stanno verificando in quei luoghi: da una parte, servitori dello Stato che devono fronteggiare episodi di violenza come quello verificatosi con la sassaiola delle scorse ore, dall’altra, braccianti sfruttati da caporali e ‘prenditori’ senza scrupoli che, ora, con il Covid-19 vivono un’ulteriore situazione di ghettizzazione.

La Regione Calabria e la Prefettura di Reggio devono intervenire in maniera risolutiva per garantire da un lato, il rispetto dei diritti umani degli ospiti della tendopoli e, dall’altro, la sicurezza del personale delle forze dell’ordine". 

"Nella Piana di Gioia Tauro - aggiunge il capogruppo di IRIC - ci sono tanti beni confiscati alle famiglie mafiose della zona che sono inutilizzati da anni e dove si potrebbe far fare la quarantena ai migranti della tendopoli, tra i quali, come ho avuto modo di constatare personalmente in queste ore, ci sono anche persone con problemi di salute che non possono certo stare in isolamento in una tenda.

È bene ricordare che le leggi vanno osservate da tutti, italiani e africani, ma è altrettanto necessario che in un Paese civile l’osservanza delle regole sia affiancata dalla garanzia dei diritti. Diritti che oggi in questo territorio - conclude Anastasi - sono negati sia ai padri di famiglia che portano la divisa sia ai braccianti i quali sopravvivono nel ghetto in condizioni rese ancor più drammatiche dalla presenza del Coronavirus. La bomba sociale e sanitaria della Piana va disinnescata al più presto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento