menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'incontro in piazza

L'incontro in piazza

Emergenza sanitaria, acqua e rifiuti: il resoconto del movimento Miti Unione del Sud

Il movimento politico ha presentato in piazza Italia anche i contenuti dell'esposto presentato alle Procure di Catanzaro e Roma riguardo la mala gestione del sistema sanitario calabrese

Il movimento Miti Unione del Sud ha presentato in piazza Italia i contenuti dell'esposto presentato alle Procure di Catanzaro e Roma riguardo la mala gestione del sistema sanitario calabrese. In particolare è stata informata la collettività delle "anomalie portate all’attenzione degli organi inquirenti, come ad esempio le dichiarazioni contraddittorie dell’ex commissario Cotticelli".

Secondo il movimento, "vi è quindi una responsabilità concorrente su più organi e livelli di governo che hanno omesso azioni e attività di controllo sull’applicazione del piano anti Covid. Omissioni per cui la magistratura è stata
interpellate a verificare se sono avvenute colpevolmente o dolosamente. Si sono rilevate contraddittorie anche le dichiarazioni sull’ammontare delle risorse stanziate ed il loro utilizzo rispetto alle disposizioni della legge (DL nn 14, 18 e 34 del 2020)". Miti Unione del Sud, annuncia il lancio di una petizione per sollecitare gli interventi e mettere in rete tutti i calabresi danneggiati. 

Un altro esposto presentato alla Procura di Reggio Calabria è legato all'ordinanza sindacale del 27 ottobre del 2020 che ha vietato l’uso dell’acqua in molteplici zone del Comune reggino a causa del rilevamento di batteri patogeni tipici delle acque fognarie.

"L’ordinanza in questione infatti è stata emanata 5 giorni dopo rispetto all’avviso dell’Asp territoriale, invece che nelle ore successive, aggravando i rischi per la salute dei cittadini che hanno continuato ad utilizzare l’acqua, ignari della contaminazione". L'ultimo argomento trattato ha riguardato la questione rifiuti "che continua a rappresentare un’emergenza nonostante le garanzie date in campagna elettorale sull’apertura della discarica di Melicuccà entro fine ottobre. Inoltre, la discarica non potrebbe neanche contenere la quantità di rifiuti prodotta dall’area comunale di Reggio Calabria, così come gli indirizzi della Commissione europea impongono la
dismissione delle discariche e il riutilizzo spinto del rifiuto per abbattere l’inquinamento ambientale a danno della salute pubblica".

Infine, il presidente Fabio Putortì ha reso nota "una buona notizia relativa alla questione aeroporto dello Stretto. In linea con il lavoro svolto negli anni come Comitato pro aeroporto si è riusciti ad ottenere un incontro, per il 19 novembre, con il presidente della Sacal, e con il supporto dell’assessore regionale ai trasporti, per valutare l’opportunità di attuare le misure contenute nel dossier discusso presso le sedi ministeriali e dar seguito all’accordo raggiunto con i rappresentanti istituzionali di Rzeszow. Il tutto per potenziare l’infrastruttura sulle tratte nazionali ed attivare un collegamento internazionale con capitali innovative in grado di sviluppare l’economia ed il turismo del nostro territorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento