Passo indietro di Gaudio, Tripodi: "Il Governo ponga fine al commissariamento"

La parlamentare calabrese di Forza Italia, esorta il premier "a confrontarsi con i nostri amministratori in protesta pacifica a Palazzo Chigi il prossimo 19 novembre"

Maria Tripodi

"La misura della sopportazione e della capacità di sottostare ai diktat per il popolo calabrese è abbondantemente colma. Con la rinuncia al ruolo di commissario alla sanità del professore Eugenio Gaudio, il Governo ancora una volta si è dimostrato sordo alle richieste che vengono dal territorio, quelle di intervenire immediatamente per elaborare un serio Piano per la sanità".

E' il commento della parlamentare di Forza Italia, Maria Tripodi, che rincara: "I miei concittadini così come medici e amministratori sono allo stremo. Esorto il presidente Conte a porre fine ad al commissariamento e soprattutto a confrontarsi con i nostri amministratori in protesta pacifica a Palazzo Chigi il prossimo 19 novembre.

Si comporti da presidente del Consiglio di tutti gli italiani, e li riceva. L’emergenza Calabria, che dura ormai da decenni va risolta insieme, con buon senso e il sostegno di tutte le istituzioni soprattutto quelle locali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Guido Longo verso la Calabria, primo obiettivo: riaprire gli ospedali chiusi

  • Lavori sulla linea ferroviaria jonica, operaio muore nei pressi della stazione di Condofuri

  • Ospedali e Covid, l'allarme di Amodeo: "Asp reggina impermeabile a ogni proposta"

  • Reggio e la Calabria in zona arancione da domenica 29 novembre: ecco cosa cambia

  • Verso il 25 novembre, Maria Antonietta finalmente lascia il Gom e torna a casa

Torna su
ReggioToday è in caricamento