Marina militare e vigili del fuoco festeggiano la patrona Santa Barbara

La celebrazione eucaristica si è svolta nel rispetto delle norme anti Covid. Il direttore marittimo Ranieri nel messaggio augurale ha ricordato l’impegno di tutto il corpo in questo delicato momento storico

La celebrazione eucaristica

Oggi, 4 dicembre, la Marina militare e i vigili del fuoco celebrano la patrona Santa Barbara. Le forti limitazioni dettate dall'emergenza pandemica non hanno consentito di svolgere la consueta cerimonia religiosa come di consueto che quest’anno è stata festeggiata in forma privata e aperta esclusivamente al personale di turno in servizio.

Tuttavia, per sigillare il vincolo di vicinanza tra i due corpi, i comandanti, capitano di vascello, Antonio Ranieri e l'ingegnere Carlo Metelli, hanno fortemente voluto che una singola rappresentanza dei propri uomini partecipasse alle rispettive celebrazioni eucaristiche.

Il momento di fede che ha visto gli uomini e le donne di entrambe i corpi virtualmente riuniti è stato caratterizzato dalle letture delle proprie preghiere e da un pensiero di speranza a tutta la collettività Il direttore marittimo nel messaggio augurale rivolto a tutto il personale, ha ricordato l’impegno di tutto il corpo che in questo periodo storico si è trovato a dover assicurare i vari compiti istituzionali in primis il soccorso in mare in un contesto emergenziale che richiede attenzione e responsabilità al fine di contenere la diffusione del virus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aperitivo con oltre 20 persone in un negozio etnico: cinque multe e attività chiusa

  • "Vado a posare il fucile e poi torno", gli attimi seguenti all'omicidio nel racconto del figlio delle vittime

  • Per i Carabinieri ad uccidere i coniugi di Calanna sarebbe stato Francesco Barillà

  • Consumavano in un locale oltre l'orario di apertura: fioccano multe e chiusa l'attività

  • Duplice omicidio di Calanna, arrestato il responsabile della morte dei coniugi Cotroneo

  • La battaglia del primario Amodeo per una sanità pulita: "Non mi imbavaglieranno"

Torna su
ReggioToday è in caricamento