rotate-mobile
Le indagini

Sbarchi migranti, polizia e guardia di finanza fermano sette presunti scafisti

Le indagini, condotte in parallelo dalle forze dell'ordine, si sono concentrate sull'approdo dei barconi dei primi giorni di dicembre

Sette presunti scafisti sono stati fermati dagli uomini della polizia, diretti dal questore Bruno Megale e dai militari della guardia di finanza, diretti dal generale Maurizio Cintura. Nei giorni scorsi, infatti, gli agenti della polizia della sezione investigativa del commissariato di Siderno e personale delle fiamme gialle hanno eseguito il fermo di indiziato di delitto di quattro cittadini extracomunitari, ritenuti responsabili di due distinti sbarchi avvenuti nei giorni scorsi presso il porto di Roccella Ionica.

Le attività info-investigative condotte hanno permesso di raccogliere elementi indiziari utili per acclarare la responsabilità dei predetti nel trasporto dei clandestini. In particolare, sono stati fermati due cittadini di nazionalità uzbeca, ritenuti responsabili dello sbarco di 46 cittadini extracomunitari avvenuto il 9 dicembre, e due cittadini di nazionalità siriana, ritenuti responsabili dello sbarco di 105 cittadini extracomunitari avvenuto l’8 dicembre.

Analoga attività è stata svolta dal personale della Squadra mobile di Reggio Calabria unitamente a quello della guardia di finanza, il cui esito ha portato al fermo di tre cittadini turchi, ritenuti responsabili dello sbarco di 86 cittadini extracomunitari avvenuto il 6 dicembre scorso presso il porto di Reggio Calabria.

Tutti i migranti clandestini sono stati denunciati per l’ingresso illegale nel territorio nazionale, mentre i fermati sono stati associati rispettivamente presso la casa circondariale di Locri e presso la casa circondariale di Arghillà per i successivi provvedimenti di competenza dei giudici reggini.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sbarchi migranti, polizia e guardia di finanza fermano sette presunti scafisti

ReggioToday è in caricamento