menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri di Roccella Jonica

I carabinieri di Roccella Jonica

Sbarco di Camini, i Carabinieri di Roccella fermano uno dei presunti scafisti

I militari lo hanno individuato mentre a nuovo cercava di raggiungere la riva e, dopo avergli prestato i primi soccorsi, hanno proceduto ad effettuare dei controlli approfonditi. In manette un 26enne del Kyrgystan

Nei giorni scorsi, i carabinieri della stazione di Roccella Jonica, hanno rintracciato diversi migranti, 76 in totale, di cui 63 maschi adulti, 6 donne e 7 minori accompagnati, tutti di origine curdo/iraniana e curdo/irachena - la cui presenza era stata indicata in mare da alcune segnalazioni giunte al 112.

In particolare, intorno alle 07.00 del 28 ottobre scorso, i militari dell’Arma, si sono recati sul litorale di Camini, riscontrando la presenza in mare di un veliero battente bandiera tedesca alla deriva a circa un centinaio di metri dalla battigia, con numerose persone a bordo.

Al loro arrivo, i carabinieri hanno subito notato due sagome tuffarsi in acqua che, nel tentativo di far perdere le loro tracce, anziché nuotare verso la spiaggia, proseguivano in direzione Nord parallelamente alla riva. Insospettiti da tale atteggiamento, hanno deciso di seguirli fino quando uno di loro è arrivato a riva dove gli sono stati prestati i primi soccorsi. Successivi e approfonditi accertamenti, hanno poi permesso agli uomini dell’Arma di identificare il giovane in V.E, 23enne, nato in Kyrgystan quale presunto scafista dell’imbarcazione e di eseguire nei suoi confronti un “fermo di indiziato di delitto”, per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

I militari, che sin da subito avevano collegato la presenza dei citati migranti con un potenziale sbarco, avevano allertato la capitaneria di porto di Roccella Jonica e il commissariato di Siderno, che unitamente a personale della Protezione Civile hanno attivato il consueto protocollo sbarchi. Il barcone è stato così trainato fino al porto di Roccella Ionica dove sono stati poi fatti scendere tutti i migranti e successivamente trasportati a bordo di autobus presso la struttura “Ex Saub”, in Roccella Ionica, per le operazioni di soccorso oltre che di identificazione e sottoposizione a tamponi ai fini della rilevazione di eventuali positivi al Covid19.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento