rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Migrazioni / Motta San Giovanni

Sbarco, il comune attiva la protezione civile e ospita i migranti presso la "porta d'accesso"

Sono trentaquattro, tutti afghani, fra loro anche cinque minori non accompagnati, i mottesi hanno dato vita ad una vera e propria gara di solidarietà

Sbarco lazzaro migranti-2Sono trentaquattro, stanno bene e sono ospitati presso i locali della “Porta d’accesso” del comune di Motta San Giovanni a Lazzaro. Per gli afghani, sbarcati ieri sulla spiaggia sottostante il centro abitato di Lazzaro (nella foto), il comune di Motta San Giovanni - guidato dal sindaco Giovanni Verduci - ha attivato da subito il sistema di protezione civile, grazia all'intervento dei volontari dell'associazione "Garibaldina".

La cittadinanza sottese, poi, ha sostenuto questa azione solidale mettendo in atto una raccolta di indumenti, cibo e coperte che, in un paio di ore, ha dato grandi riscontri. Del gruppo, che ieri è già stato fotosegnalato per il riconoscimento e sottoposto a tampone per verificare l’eventuale presenza di contagi da Covid-19, fanno parte cinque donne, di cui una in staro di gravidanza, e cinque minori non accompagnati.

Il natante, una barca a vela di circa venticinque metri, è stato spostato dal luogo di sbarco e trasportato presso il porto di Reggio Calabria. Il numero esatto di migranti sbarcati è stato raggiunto solo in tarda serata, quando i carabinieri e gli uomini del comando di polizia locale di Motta San Giovanni sono riusciti a rintracciare tutti quelli - oltre venti - che avevano provato a lasciare la zona di sbarco a piedi, dirigendosi in varie direzioni lungo la Strada statale 106.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sbarco, il comune attiva la protezione civile e ospita i migranti presso la "porta d'accesso"

ReggioToday è in caricamento