Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Scacco ai narcos calabresi: i dettagli di "Edera", la maxi operazione del Ros | VIDEO

Nel corso dell'attività investigativa sequestrati centinaia di chili di stupefacenti e arrestati due latitanti che avevano trovato rifugio in Colombia

 

Maxi operazione dei carabinieri del Ros, che coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria e  la collaborazione della polizia colombiana, olandese e la gendarmeria francese, hanno disarticolato un'associazione criminale, dedita al narcotraffico e riconducibile alla 'ndrangheta reggina. Attraverso gli scali portuali di Anversa, Rotterdam e Gioia Tauro, oltre che tramite trasporti su gomma, la droga veniva importata dalla Colombia e dall'Ecuador, per poi essere destinata alla vendita nel nord Europa, in Canada e in Italia, in particolare in Lombardia e Veneto. Sequestrati centinaia di chilogrammi di stupefacenti e arrestati due latitanti italiani che avevano trovato rifugio in Colombia.

Le ‘ndrine reggine nel narcotraffico internazionale: trenta indagati

"L'operazione Edera - ha affermato il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, nel corso della conferenza stampa - sottolinea la capacità della 'ndrangheta di essere duttile e flessibile su ogni scenario criminale transnazionale, ed in particolare nelle dinamiche del narcotraffico internazionale".

Per il procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo, come si legge su una nota Ansa: "L'inchiesta connota il carattere di univocità della 'ndrangheta rispetto alla frammentazione di altre forme di criminalità organizzata, capace di tenere insieme varie cosche in un percorso unitario, programmando ogni particolare delle attività criminali, dall'acquisto, al trasporto via mare, all'esfiltrazione dai porti di arrivo ed allo smistamento dello stupefacente in tutta Europa su gomma, un'attività che richiede un impegno di non poco conto. Bovalino, Buccinasco, Ventimiglia, Brescia, Padova, Ecuador, Belgio, Olanda, Germania sono le aree dove é ormai accertata la presenza di 'inviati' della ndrangheta, ognuno con un compito da eseguire rigidamente"

Potrebbe Interessarti

  • Lido comunale, delusione tra i bagnanti e i consiglieri di minoranza smentiscono il sindaco

  • Chiusura Hospice, la Fondazione chiede un incontro urgente all'Asp di Reggio Calabria

  • Piazza Italia, Reggio insieme all'Hospice dice no alla chiusura della struttura

  • Droga, arrestata intera famiglia: sotto il letto del figlio nascondevano 5 chili di marijuana

Torna su
ReggioToday è in caricamento