rotate-mobile
Cittadinanza attiva / Centro / Via Giudecca

Le scalinate della Giudecca si vestono a festa per il Natale

I volontari dell'associazione hanno addobbato il sito con piante e nastri e i residenti guardano con grandi aspettative la riapertura del cantiere del tapis roulant

Anche sulle scalinate monumentali di via Giudecca sono arrivate le feste natalizie. Rispettando la tradizionale data dell'8 dicembre che apre il periodo festivo, le volontarie e i volontari, che da qualche anno si stanno prendendo cura del sito storico per farlo rinascere dal lungo stato di abbandono, hanno decorato le scalinate con confezioni di stelle di Natale. Nastri e tocchi di rosso beneaugurante che riscaldano l'atmosfera di una porzione di città tornata alla sua bellezza proprio grazie al lavoro di questo gruppo di cittadinanza attiva.  

Per i residenti è un momento di grandi aspettative dopo la riapertura del cantiere del tapis roulant: la partenza dei lavori nell'ultimo tratto ha consentito di liberare da detriti e macerie l'area dove sorgerà l'ascensore e si trovano le storiche tre fontane con le bocche di tritone in bronzo, che anch'esse saranno oggetto di un restauro. Un momento che qui si aspettava da quindici anni, il lungo tempo di stasi del cantiere interrotto.

Un altro piccolo successo a fine novembre era stato il ripristino dell'illuminazione sulle scalinate della Giudecca, la scala di via Giulia e il tratto di via Possidonea nei pressi della scalinata di San Domenico, con l'accensione di tutti i lampioni presenti. A chiederlo e ottenerlo è stata l'associazione di promozione sociale "Scalinata monumentale di via Giudecca" da poco entrata nella rete delle comunità patrimoniale (sebbene non ci sia al momento nessuna procedura in corso, da parte nostra auspichiamo che possa essere il primo passo anche per una futura candidatura ai patrimoni Unesco). 

Un riconoscimento che attribuisce il ruolo di custodi dell'identità dei luoghi a questi cittadini, riunitisi spontaneamente attorno all'impegno civico di ripulire aree degradate della città. Ricordando come tutto è iniziato, loro continuano a definirsi semplicemente "quelli della Giudecca": Simona Lanzoni, attorno al cui gruppo ILoveRc era iniziata l'aggregazione per la pulizia delle scalinate e oggi presidente dell'associazione di promozione sociale, Tatiana Cilea del gruppo Fb "Scambio piante, talee e consigli" e tanti altri, tra cui il fiorista Macrì di Gioia Tauro, che in particolare ha contribuito all'addobbo natalizio delle scalinate.

I loro nomi e il loro pensiero li leggiamo sui social, dove un'attivissima community fa da passaparola per progetti, iniziative e segnalazioni. Dopo il riavvio del cantiere del tapis roulant, Simona Lanzoni, postando un'immagine crepuscolare dell'orizzonte finalmente aperto sulle scale, commenta: "Ci sono notti che non accadevano da un decennio". 

Una delle ultime iniziative di questi cittadini è stata "Adotta 1 mq", in via Possidonea nello spazio tra i contrafforti del muraglione. Si è svolta in tre giornate ecologiche autorizzate e adesso arriva un bilancio in numeri. A spiccare è la cifra della spesa, zero. Interessati alla riqualificazione in 12 ore di lavoro sono stati 69 spazi fra i contrafforti, di cui 35 già puliti (con gli altri si continuerà nelle prossime settimane). Ben 96 i sacchi di rifiuti e sfalci di potatura raccolti. Otto residenti nella zona del muraglione di via Possidonea hanno aderito al mantenimento degli spazi verdi nel tempo, dove ora si trovano tre hibiscus ricevuti dai cittadini, i quali hanno donato anche quattro piante per la Giudecca.

I volontari stati autorizzati alla piantumazione dal settore ambiente del Comune, e hanno scelto l'hibiscus perché nel regolamento del verde pubblico rientra fra le piante autorizzate ad essere messe a dimora sul territorio comunale. La stessa area del muraglione di via Possidonea è al centro di un progetto esecutivo approvato dalla giunta a maggio del 2021, che prevede la creazione di pilastri di cemento intervallati da piante. Nel presentarlo il sindaco sospeso Falcomatà aveva ipotizzato anche la realizzazione di murales per decorare i pilastri. Nel frattempo è trascorso un anno e mezzo e ad agire sono stati i cittadini. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le scalinate della Giudecca si vestono a festa per il Natale

ReggioToday è in caricamento