Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Al via il laboratorio teatrale "La festa delle donne": protagonisti 14 allievi

Terza fase del progetto prodotto dalla compagnia teatrale "Scena Nuda" per la messinscena di "Tesmoforiazuse" con la regia di Elisabetta Pozzi. A Portigliola fino al 22 luglio il lavoro di studio e ricerca

Un momento di formazione e di ricerca teatrale e musicale, in vista della messinscena dello spettacolo Tesmoforiazuse: è in corso di svolgimento, da qualche giorno, a Portigliola, il laboratorio condotto dall'attrice e regista Elisabetta Pozzi insieme ad altri formatori di livello nazionale, che porterà alla realizzazione dello spettacolo che andrà in scena, il 20 agosto, al Teatro greco-romano della stessa cittadina.

Si è aperta, dunque, la terza fase del progetto nazionale, prodotto dalla compagnia "Scena Nuda" dopo la ricerca scientifica condotta dall'associazione Arpa Firenze, che ha intervistato un campione di cittadini calabresi sul tema "Uguaglianza di genere", argomento portante della commedia, e dopo il lavoro sulla drammaturgia per l'adattamento dell'opera di Aristofane, si svolgerà, dunque, fino al 22 luglio, il laboratorio "La festa delle donne", "incentrato - afferma Elisabetta Pozzi - sullo studio dei personaggi e delle scene dialogate della commedia, così come sull’approfondimento di alcune scene corali, con lo scopo di valorizzare l’esperienza di incontro tra i partecipanti e la possibilità di studio collettivo, offrendo allo stesso tempo l’occasione di un training attoriale a tutto tondo".

Un'esperienza importante, che vede protagonisti 14 allievi, in parte calabresi e in parte provenienti da altre regioni. "Grande gruppo e grande momento di ripresa - sottolinea Teresa Timpano, direttrice artistica della compagnia "Scena Nuda" -, che porterà ad un lavoro corale, di qualità, perché quando ci si impegna tutti insieme così, attori e allievi, diventa un lavoro di ampio respiro, che non è soltanto concentrato sulla performance, bensì sul creare un processo comune", che poi conduce alla prova del pubblico. Infatti, il laboratorio, come si diceva, costituisce il terzo passaggio prima della messinscena dello spettacolo Tesmoforiazuse, per la regia della stessa Elisabetta Pozzi e con un adattamento realizzato con la collaborazione della drammaturga Maria Pia Battaglia, che ha tradotto una parte in greco-calabro.

Un momento laboratoriale propedeutico alla rappresentazione, alla quale prenderanno parte coloro che saranno ritenuti idonei dai formatori. Formatori, come si diceva, di rilievo nazionale, con all'attivo collaborazioni con grandi nomi del teatro italiano come Ronconi, Lavia, Strehler: insieme all'attrice, regista ed autrice Elisabetta Pozzi (recentemente nominata anche direttrice della Scuola di recitazione dello Stabile di Genova), al Centro di aggregazione giovanile di Portigliola si stanno alternando come docenti

Francesca Ciocchetti, Barbara Esposito, Elisabetta Femiano, Silvia Salvatori, Filippo Gessi, Giuseppe Nitti, Gabriele Rametta. Dunque, penultima fase di realizzazione della produzione di "Scena Nuda" (che si avvale del co-finanziamento della Regione Calabria e del partenariato del Comune di Portigliola), produzione importante e che evidenzia molteplici aspetti, dalla tematica della commedia, al legame culturale con il territorio, alla valorizzazione dei siti archeologici in chiave teatrale.

Un progetto che sancisce un lungo lavoro svolto in questi anni, che ha portato la compagnia reggina ad essere punto di riferimento per il teatro contemporaneo, non solo a livello regionale, come testimonia, appunto, questo nuovo impegno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via il laboratorio teatrale "La festa delle donne": protagonisti 14 allievi

ReggioToday è in caricamento