rotate-mobile
Il report / Scilla

Donazioni organi, Scilla è il comune calabrese più generoso

I dati emergono dalla quinta edizione dell'Indice del Dono, il rapporto del Centro nazionale trapianti. Sul podio anche San Procopio e Fiumara. Calabria ultima tra le regioni. Le parole del dott Mancini, direttore Uoc del Centro regionale trapianti del Grande ospedale metropolitano

Scilla è il comune calabrese più generoso per aver espresso più "Sì" sulle dichiarazioni di volontà alla donazione al momento del rinnovo della carta d'identità.

E' quanto emerge dalla quinta edizione dell'Indice del Dono, il rapporto del Centro nazionale trapianti, che fa il punto sulle dichiarazioni di volontà alla donazione di organi e tessuti registrate nelle anagrafi di oltre settemila Comuni italiani nel corso del 2023.

L'Indice, pubblicato in vista della Giornata nazionale per la donazione, che si terrà domenica 14 aprile, mette ancora una volta in fila alcuni indicatori come la percentuale dei consensi, quella delle astensioni e il numero dei documenti emessi. 

I tre centri del Reggino in classifica, la Calabria è ultima tra le regioni italiane

Il comune di Scilla ha ottenuto un indice del dono di 81,81/100, una percentuale di consensi del 98,2% e un'astensione del 42,2%. Secondo piazzamento per San Procopio con un indice di 78,31/100, una percentuale di consensi dell'81,6% e un'astensione del 19,1%, infine terzo posto per Fiumara, con un indice di 78,21/100, con una percentuale di consensi del 98,0% e un'astensione del 51%

Maglia nera per la Calabria, è al 21esimo posto, ultima tra le regioni italiane con un indice del dono di 52,55/100: la percentuale di consensi è del 60,4% e l'astensione è al 49,2% contro una media nazionale di 68,5% di sì e di 41,8% di astenuti.

Donazioni indice del dono provincia reggio calabria

Verso la Giornata nazionale della donazione: la parola al dott Mancini, direttore Uoc del Centro regionale trapianti del Gom di Reggio Calabria

I dati italiani

I più disponibili a dare il proprio consenso alla donazione degli organi sono i trentenni sardi, mentre ancora una volta è Trento la città più generosa d'Italia nella raccolta dei "sì" al momento del rinnovo della carta d'identità. Poi Verona (che sale dal quarto al secondo posto) e Sassari, con Livorno ai piedi del podio. Tra le altre grandi città più virtuose Cagliari è quinta, Ferrara sesta, Padova settima, Firenze ottava e Perugia nona, Bergamo decima. In calo le quattro città maggiori: Milano è 24ma (era 16ma l'anno precedente), Torino passa dal 29mo al 31mo, Roma dal 32mo al 33mo mentre Napoli resta ferma al 39 posto su 44.

Cos'è l'indice del dono

L'Indice del dono, come riporta sul sito il ministero della Salute, fornisce una fotografia dell'impegno profuso dai Comuni italiani nella gestione complessiva del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti in occasione del rilascio della carta d'identità. Come riporta il ministero della Salute, sono stati presi in considerazione i flussi di dati provenienti dal Sistema Carta identità elettronica (Cie) e registrati nel Sistema informativo trapianti (Sit) tra l'1 gennaio 2023 e il 31 dicembre 2023.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donazioni organi, Scilla è il comune calabrese più generoso

ReggioToday è in caricamento