Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Commercio e grande distruzione: proclamato lo sciopero per le festività 2023-'24

L'annuncio delle segreterie regionali unitarie di Filcams Cgil – Fisascat Cisl – Uiltucs Uil della Calabria

In occasione delle festività a partire dal 1 novembre al 6 gennaio 2024 le segreterie regionali unitarie calabresi che rappresentano le lavoratrici e i lavoratori del commercio e della grande distribuzione organizzata, hanno proclamato lo sciopero generale del settore per l'intera giornata.

Uno strumento di lotta ormai necessario per garantire alle lavoratrici ed ai lavoratori del settore di vivere un periodo di riposo dallo stress e dal carico di lavoro che in questi periodi diventa davvero sfiancante ma anche per dare un chiaro messaggio di disappunto per come il mondo del commercio e della distribuzione organizzata viene concepito.

Bisognerà pure trovare un punto di caduta, un momento nel quale fermarsi a riflettere sul modello che si vuole adottare per meglio rispondere alle sfide che il Pianeta ci impone in questa particolare fase storica: cambiamento climatico, transazione energetica, riduzione dell'orario di lavoro sono argomenti molto distanti dal modello di sviluppo che stiamo vivendo dove il mercato è la priorità e le tutele per chi lavora vengono sistematicamente ridotte.

Particolare rilevanza assume in questa fase lo sciopero unitario del commercio e della distribuzione che non si limiterà alle sole giornate festive poiché le segreterie nazionali unitarie hanno proclamato lo stato di agitazione e lo sciopero delle lavoratrici e dei lavoratori del commercio contro le associazioni datoriali (Confcommercio, Confesercenti, Legacoop, Federdistribuzione) con le quali si sono interrotte le trattative per il rinnovo dei Contratti collettivi nazionali di lavoro scaduti ormai da 3 anni.

Filcams Cgil – Fisascat Cisl – Uiltucs Uil della Calabria, nel proclamare lo sciopero che darà la possibilità alle lavoratrici ed ai lavoratori del settore di decidere liberamente su come vivere le festività, fanno appello alle istituzioni e alla Regione Calabria e ai sindaci affinché si agisca con ordinanze di chiusura delle attività nei festivi; inoltre, per come richiesto negli anni, si apra una discussione generale sul commercio e si regoli il tema delle aperture nei giorni festivi, per salvaguardare il lavoro, tutelare il pianeta e la dignità delle persone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commercio e grande distruzione: proclamato lo sciopero per le festività 2023-'24
ReggioToday è in caricamento