menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La discarica sotto sequestro

La discarica sotto sequestro

Scoperta e sequestrata discarica abusiva di rifiuti speciali, denunciato un 60enne

I Carabinieri del comando provinciali, insieme a quelli del Nucleo operativo ecologico ed ai Forestali, hanno portato a compimento un'attività di controllo a San Ferdinando

I Carabinieri scoprono e sequestrano una discarica abusiva di rifiuti speciali a San Ferdinando e denunciato il proprietario del sito: un 60enne del posto. L’attività posta in essere dai militari del comando provinciale, guidati dal colonnello Marco Guerrini, è volto a prevenire e contrastare i reati in materia ambientale, che si avvale anche dei reparti specializzati come il Nil Nucleo operativo ecologico – i  Carabinieri Forestali, la cui prerogativa risulta la salvaguardia del patrimonio naturalistico; ma anche delle stazioni Carabinieri che rimangono sempre il primo presidio sul territorio, risulta molto spesso compromesso dai comportamenti incivili di molti che vanificano gli atteggiamenti di tanti altri cittadini virtuosi e rispettosi delle norme in materia.   

In tale contesto, a San Ferdinando, nei giorni scorsi, i Carabinieri, hanno sequestrato una discarica abusiva e denunciato il proprietario, 60enne, del luogo, per la realizzazione e gestione della stessa senza autorizzazione.

In particolare, nel corso di un normale servizio di controllo del territorio, i militari, nel transitare in una via, in prossimità del lungomare e del centro cittadino, hanno notato un deposito incontrollato di rifiuti. Da una verifica più approfondita dell’area, gli operanti, hanno constatato, nel dettaglio, la presenza di molti elettrodomestici ingombranti accatastati, a tutti gli effetti considerati rifiuti speciali, per il cui smaltimento è prevista un’apposita procedura in accordo con la locale Amministrazione comunale.

Una volta scoperta la discarica abusiva, i Carabinieri della locale Stazione, hanno subito dopo sequestrato l’area, affidandone la custodia giudiziale al proprietario del sito, pertanto poi denunciato in stato di libertà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nasce la "Fede Reggina", gioiello ispirato al lungomare Falcomatà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento