rotate-mobile
L'idea

Occhiuto non vuole perdere il contatto con l'Ue e punta a valorizzare la sede di Bruxelles

La giunta regionale vuole stimolare il processo di apertura verso il contesto internazionale e trasformare l'ufficio in un punto di riferimento europeo

"In questi primi 10 mesi di lavoro ho fortemente voluto che si avviasse un processo di apertura verso il contesto internazionale della Regione, con particolare enfasi all'area mediterranea. Dopo pochi giorni dal mio insediamento sono andato a Bruxelles ed ho voluto incontrare la delegazione della Regione nella nostra sede, che era praticamente lasciata a se stessa negli anni precedenti, così come ho preteso che il negoziato per la programmazione 21-27 fosse svolto prevalentemente nella nostra sede".

Così il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto, sull'istituzione del servizio di assistenza tecnica per le relazioni internazionali e comunitarie. "Non sarà passato inosservato - aggiunge - che ho voluto presenziare personalmente ai lavori della Conferenza intermediterranea a Siviglia, anche per rafforzare la candidatura della Regione al National contact point di Interreg Europe, obiettivo che abbiamo raggiunto".

"A valle di tutto questo - afferma - si rende necessario dare la giusta valorizzazione alla sede regionale di Bruxelles, sia per avere un faro sempre acceso sulle novità che quotidianamente animano si corridoi bruxellesi, sia per avere un desk attivo per i rapporti di primo ingaggio con i servizi della Commissione".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occhiuto non vuole perdere il contatto con l'Ue e punta a valorizzare la sede di Bruxelles

ReggioToday è in caricamento