rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
L'intervento

Sentenza "Gotha", Fratelli d'Italia: "Scopelliti fu osteggiato dalla 'ndrangheta"

Il presidente del circolo "Antonio e Ciccio Franco" interviene nel dibattito suscitato dalla decisione dei giudici della corte di cassazione

“Sarebbe oltremodo facile rispondere con uno schietto ve lo avevamo sempre detto, all’articolo apparso tra ieri e oggi sui giornali on line e cartacei riguardante la sentenza della Cassazione sul processo Gotha, noi lo sapevamo!”. Dopo la sentenza dei giudici cassazionisti sul processo “Gotha” proseguono gli interventi di partiti politici e rappresentanti del mondo politico cittadino. In questo caso a parlare è Saverio Laganà, presidente del circolo “Antonio e Ciccio Franco” di Fratelli d’Italia.

“In effetti noi non solo lo avevamo detto ma eravamo scesi nei particolari, avevamo chiarito in migliaia di occasioni sulla stampa e soprattutto quotidianamente sui Social che quello non era altro che un disegno per affossare l’unico amministratore e Politico  cittadino che era stato capace di risollevare le sorti della nostra terra ed era stato in grado di prospettare un futuro migliore per i nostri figli; ci siamo scontrati con centinaia di soggetti, invasati, plagiati, farneticanti, ma tutti guidati da qualcuno che a noi ci riteneva dei romantici scopellitiani nella migliore delle ipotesi e sodali collusi in quella peggiore”.

Per Saverio Laganà: ”L’intento era chiaro - prosegue Laganà - e cioè minare l’immagine di Scopelliti, inculcando tra la gente il dubbio, per farne calare il suo consenso, all’epoca in costante ascesa, ed allo stesso tempo demolire mediaticamente il cosiddetto modello Reggio il tutto con la speranza di appropriarsi della città eliminando per via giudiziaria l’avversario politico di turno”.

“Grazie a quell’attacco mediatico senza precedenti - duce ancora -  il risultato di questa lotta politica condotta nelle sedi giudiziarie in luogo di quelle deputate, cioè le urne, ha prodotto quasi un decennio di disamministrazione della nostra città, infrastrutture già finanziate abbandonate, agenzie nazionali delocalizzate, strade dissestate, servizi inesistenti, aeroporto declassato e tante altre nefandezze”.

“Reggio è a pezzi - conclude il presidente del circolo di Fdi - la città non è mai stata ad un livello così basso in tutte le classifiche nazionali sotto tutti i profili di rilievo, un pensiero va a chi ha provocato tutto questo, ne è valsa la pena?”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sentenza "Gotha", Fratelli d'Italia: "Scopelliti fu osteggiato dalla 'ndrangheta"

ReggioToday è in caricamento