rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
L'intervento

Sentenza Miramare, Germanò invita i consiglieri alle dimissioni

L'ex assessore comunale con il centrodestra: "Devono prevalere l’amore per la città, la coerenza, il rispetto per le Istituzioni e per i cittadini. Serve uno scatto d’orgoglio"

Un altro giudice, un altro collegio giudicante ha sentenziato: il sindaco Falcomatà e tutta la sua giunta hanno commesso un abuso e sono stati condannati anche in appello. La loro sospensione dalla carica, quindi, sarà prorogata di un ulteriore anno. La giustizia ha fatto il suo corso, adesso tocca alla politica. Il consiglio comunale e quello metropolitano non hanno più legittimazione politica e devono essere sciolti. Per dimissioni del sindaco sospeso, auspicabili ma non probabili, oppure per dimissioni vere dei consiglieri comunali”.

A parlare è Franco Germanò, ex assessore comunale a Reggio Calabria con il centrodestra.  “Qui e ora serve un atto politico forte, da parte di chi riveste ruoli istituzionali - scrive Germanò - per dimostrare che il senso vero del fare politica è solo servizio alla comunità, è solo onore e orgoglio di rappresentare i cittadini. E’ necessario che tutti i consiglieri del centrodestra si rechino dal segretario comunale e rassegnino le loro dimissioni. Dal segretario comunale, così come prevede la legge, perché abbiano valenza giuridica e esplichino gli effetti voluti”.

Per l’ex amministratore reggino, poi, “Qui e ora servono i partiti, che hanno una responsabilità enorme nella gestione di questa fase politica che si apre davanti a noi. Devono con chiarezza chiedere ai propri consiglieri il passo indietro che la città invoca. Devono poi garantirsi la sottoscrizione, da parte dei candidati non eletti, di una dichiarazione di rinuncia al subentro in consiglio comunale ai consiglieri dimissionari”.

“Qui o ora - dice ancora - servono serietà e responsabilità. Devono prevalere l’amore per la città, la coerenza, il rispetto per le Istituzioni e per i cittadini. Serve uno scatto d’orgoglio in alternativa alla conservazione dello status quo”.

“Solo così - conclude Franco Germanò - potremo sperare di riaprire una pagina nuova per la nostra Reggio, proponendoci come alternativa seria e credibile a una classe dirigente che ha ampiamente dimostrato i propri limiti e il cui unico obiettivo è stato quello di conservare posizioni di potere e di privilegio. Qui e ora dimissioni”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sentenza Miramare, Germanò invita i consiglieri alle dimissioni

ReggioToday è in caricamento