rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
L'intervento

Siccità, Anbi spinge per l'utilizzo della diga del Metramo

Francesco Vincenzi: "Sbloccare l'autorizzazione d'uso delle acque, a fini irrigui e idroelettrici al consorzio di bonifica tirreno reggino"

"Le piogge delle scorse ore non devono trarre in inganno: utili a ristorare il territorio, concedono solo qualche giorno di tregua alla grande siccità, che sta colpendo ampie zone del Paese; a rischio c'è anche la produzione agricola della Lombardia, regione leader per valore economico del settore primario". A ricordarlo è Francesco Vincenzi, presidente dell'Associazione nazionale dei consorzi per la gestione e la tutela del territorio (Anbi), che celebrerà la propria annuale assemblea nazionale, il 5 e 6 Luglio a Roma.

"Non solo - gli fa eco Sandro Folli, presidente di Anbi Lombardia - senza l'irrigazione nelle campagne sarebbero compromessi gli equilibri ambientali dell'intera pianura, compresa la ricarica delle falde sotterranee. La priorità è salvare il primo raccolto e, pur mantenendo severe scelte di razionamento irriguo, è necessario continuare a disporre almeno delle attuali portate dai fiumi, nonostante siano largamente inferiori alle necessità delle colture".

"Sono ormai inevitabili - aggiunge Massimo Gargano, direttore generale di Anbi - misure straordinarie come deroghe ai livelli di regolazione dei laghi, ma soprattutto la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale con l'attivazione di una cabina di regia sotto il coordinamento anche impositivo della Protezione civile. Nell'attesa di decisioni, che paiono ineludibili, sottolineiamo l'esempio virtuoso e le raccomandazioni ai territori, lanciate dall'Osservatorio permanente sugli utilizzi idrici presso l'autorità di bacino del fiume Po".

Infine, Anbi si fa interprete della richiesta del territorio alla Regione Calabria per "sbloccare l'autorizzazione d'uso delle acque, a fini irrigui e idroelettrici, dalla diga di Metramo al consorzio di bonifica tirreno reggino, che attende risposta dal 2015. Si tratta di 30 milioni di metri cubi trattenuti in un invaso in località Castagnara di Galatro, in provincia di Reggio Calabria. L'ente consortile aveva chiesto di poter realizzare le condotte per irrigare 20.000 ettari e, con investimenti privati, una centrale idroelettrica".

"I cambiamenti climatici, le cui conseguenze colpiscono anche la Calabria e la sua economia, non permettono ulteriori rinvii nell'utilizzo multifunzionale di questa preziosa risorsa. Servono nuove infrastrutture, ma la prima soluzione ai problemi del Paese è ottimizzare quanto disponibile, aumentando la resilienza dei territori", conclude Francesco Vincenzi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siccità, Anbi spinge per l'utilizzo della diga del Metramo

ReggioToday è in caricamento